Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Rubriche

Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

Museo delle genti lametine a Sambiase in Calabria

Ecomuseo “Luogo della Memoria”

Dice Alphonse de Lamartine in una sua raccolta poetica dal titolo “Les Méditations poétiques”:
Oggetti inanimati, avete dunque un’anima
Che s’attacca alla nostra e la forza ad amare?
Per il collezionista gli oggetti hanno sicuramente un’anima e che anima! Penso per esempio alla celebre casa-museo dello scrittore Mario Praz nel cuore di Roma che consiglio di visitare.
Umberto Zaffina, insegnante d’inglese in pensione, a Sambiase in Calabria, nel corso degli anni ha messo insieme e sistemato, in due vecchie abitazioni a schiera comunicanti tra loro, una collezione privata di oggetti di uso domestico ed attrezzi da lavoro appartenuti ad artigiani e contadini locali in attività fino agli anni ’40 del secolo scorso.

Franco ZaffinaCom’è nata l’idea di questa raccolta?
Piano piano. Dopo essere stato all’estero per un certo periodo, la nostalgia del paese mi ha fatto rientrare. Mi sono di nuovo innamorato del mio paese ma ho costatato che stava scomparendo, si stava perdendo e che io non potevo fare nulla per preservarlo. Così, ho cominciato a riunire piccoli attrezzi, un chiodo, un attrezzo di falegname, un coltello, un cestello e mi sono trovato ad avere in casa una bella raccolta. Oltre a conservare oggetti ho cominciato ad aggredire una vecchia zona del paese, Craparizza dove ho fatto realizzare – all’epoca mi interessavo d’arte ed avevo una galleria - dagli alunni delle scuole elementari e medie dei murales e una festa per l’occasione. Ho affittato un locale dove ho iniziato a trasferire da casa la mia collezione, vi ho realizzato un’estemporanea di pittura, un presepe, une fiera. In seguito mi hanno depredato, rubando parte del materiale ed ho deciso, quindi, di andarmene e di trovare un’altra sistemazione.I miei genitori, i miei antenati hanno vissuto su questa parte del paese dove siamo ora e siccome era in vendita la casa di un erede di mio nonno e del mio bisnonno, l’ho comprata con sacrifici personali, mi ci sono trasferito nel 1990 e l’ho sistemata.
Come si procura gli oggetti?
Con i mezzi più vari: attraverso le compravendite, recuperando oggetti abbandonati o gettati nella spazzatura. Mi piace girare curiosando per le vecchie case…

Quale è lo scopo di questa esposizione?
Mostrare, attraverso gli oggetti, da un lato le attività lavorative d’un tempo e dall’altro alcuni ambienti tipo del focolare domestico.

scarpe da mortaCon quale criterio sono presentati gli attrezzi?
Si tratta di un museo spontaneo, gli ambienti sono sistemati a modo mio, senza pretese scientifiche. Non sono un professionista, sono un dilettante. In sostanza, ho ricostruito un’abitazione: al piano superiore, recuperando l’antica destinazione delle sale, sono presentati gli ambienti della cucina, del pranzo e del letto, con arredi, oggetti e pezzi di corredo.
Qui, dove ci troviamo ora, c’è una sala d’entrata e di ricevimento dove è conservato un po’ di tutto. Le sale attigue ospitano un laboratorio di tessitura tradizionale e uno studio. Gli spazi architettonici sono stati mantenuti pressoché inalterati e al piano di sotto sono collocati i magazzini dove sono attestati i mestieri del falegname, del fabbro, del bottaio, del calzolaio, del muratore, del barbiere.
Ci dirigiamo verso la sala dei telai. Il Professore Zaffina confessa che gli sarebbe piaciuto che qualcuno desiderasse imparare a lavorare con i telai, che volesse divertirsi, “giocare” qui, come mi ci si diverte e “gioca” lui.

I locali sono stati restaurati?
Sì, ho rifatto i tetti e i pavimenti e nel procedere al ripristino delle sale ho trovato anche delle antiche decorazioni, un affresco risalente al 1700.
Là in alto, appesi al soffitto, ci sono dei rametti, dei cardi secchi, che servivano per tessere e delle bamboline della Quaresima - nel numero di sette quante sono le domeniche che separano il Carnevale dalla Pasqua – che costituivano una sorta di calendario: esposte tra una casa e l’altra, le bamboline venivano tolte man mano che passavano le domeniche. Avevano un nome fisso: Anna, Rebecca, Diana, Lazzara, Susanna, Palma e Santa. Accanto, un fuso, una canocchia e una sarda salata indicavano il periodo di filatura e di digiuno. A Nicastro si usavano sette penne di gallina conficcate in un’arancia.
Dopo la sala dei telai, passiamo nello studio e i libri aperti di Umberto dicono che sta rileggendo Rocco Scotellaro dal quale è affascinato e sul quale ha organizzato un convegno accostandolo a Franco Costabile.
Al piano di sopra, nella cucina tra i numerosissimi oggetti, cesti, bilance, barili, macinini per il caffé, Umberto m’indica per rarità due stampi in pietra per dolci, per mostaccioli, di cui uno purtroppo si è rotto ma si legge ancora la scritta “Il mio cuore è legato al tuo” (i mostaccioli si regalavano in tempo di fiera alla fidanzata ed erano adornati con carte colorate), alcuni reggi-brocche di argilla per il focolare e quadretti sacri.
Il letto della camera da letto, mi confessa, unico elemento che ho trovato in questa casa, è appartenuto al fratello di mio nonno che ha abitato qui.
In effetti lo sguardo si disorienta per la mole di materiale offerto alla curiosità del visitatore e non sa dove soffermarsi: ogni pezzo della collezione ha la sua storia e la storia nella storia che è quella del suo ritrovamento.
Affascinata, chiedo spiegazione sulla funzione di alcuni oggetti, per esempio uno strano paio di scarpette nere con la suola di cartone...
Sono scarpe da morta, spiega Umberto. Non le ho trovate in un cimitero ma in un vecchio magazzino, presso un negoziante che vendeva occorrente e arredi per morti come corone, fasce per portare i defunti e scarpe per poveri. Le morte ricche compravano le scarpe di cuoio ma per non seppellire le povere a piedi nudi, magari contadine con i piedi gonfi che in vita non si erano mai potute permettere un paio di scarpe, si usavano queste scarpe. Fanno tenerezza.
Come il passato e i ricordi suscitano tenerezza…Dal lavatoio, in alto, prima di concludere la visita, Umberto mi mostra un panorama magnifico su Sambiase e mi spiega che nascerà presto un parco naturalistico, con sentieri percorribili solo a piedi ed uno spazio per il teatro in cima.
Umberto si occupa anche della vita e della poesia del poeta sambiasino Franco Costabile morto a Roma nel 1965 intorno al quale ha creato un itinerario poetico dei luoghi e una manifestazione che prima s’intitolava “Il trionfo del soldato sconfitto” ed ora “Rapsodia Sambiase”, numero due per l’anno in corso.
Piccolo mondo antico…ritrovato!


Fausta Genziana Le Piane



Sposarsi in Calabria
I Consigli della Nonna
Apparizione di Padre Pio
Indovinelli
Storia e curiosità
Costumi Calabresi
Tesoro e tomba di Alarico
Auto Storiche in Calabria
Interviste della dott.ssa Fausta Genziana Le Piane
Prêt-à-porter e moda in Calabria
I test di Calabresità di Fausta Genziana Le Piane
 
Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

Itinerario poetico di Franco Costabile a Sambiase in Calabria

Maurizio Carnevali, il pittore di Fabrizio De Andrè e Francesco Guccini

Intervista ad un artista dal multiforme ingegno Antonio Francesco Caporale: le parole non bastano

Intervista a Luca Policastri vincitore per la fotografia del premio calabrese dedicato al poeta Franco Costabile

Primavera nel centro storico di Lamezia Terme

Parliamo del quindicinale “Kenavò” o…di Fausta Genziana Le Piane?, di T. M. Patti

Ritratti di donne calabresi del nostro tempo Vannella Butera: poetessa e imprenditrice di talento

“Quadrature”, la prima e unica galleria d’arte moderna a Lamezia Terme Intervista alla dott.ssa Caterina Cuda

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro Figulus, il vasaio della terracotta d’autore

“Ogni cominciamento ha bisogno di neve per nutrirsi” Le canzoni d’amore di…Dante vincono il premio Camaiore!

Quando vince la collaborazione tra le singole competenze. Progetto Burka

Mestieri d’altri tempi: il lattoniere

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. I “Figulini” crescono grazie al vasaio Francesco Serratore

Giuseppe Smirne: i colori delle radici

Di che intarsio sei?

Via Crucis, Via Lucis?

Un muro di storia


Leonardo Caimi, voce della Calabria nel mondo

Intervista a Pino Caimi autore di “Caos è destino”

Figulus e la tavola del lavoro

Sebastiano Guzzi, una vita per la musica

© 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>