Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Rubriche

Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

Mestieri d’altri tempi: il lattoniere
Mestieri d'altri tempi: il lattoniere
Mastro Benito ha il laboratorio in via Capitan Manfredi a Lamezia Terme (Catanzaro) dal 1980 e aveva il precedente in Via dei Mille da 16 anni: “Svolgo il mestiere del lattoniere (u’ landiaru) da più di cinquant’anni” – dichiara con orgoglio
Mastru Benitu. “Prima, per sette, otto anni ho fatto l’apprendista andando in giro a comprare il materiale per le riparazioni. Da piccolino mi recavo in Via Garibaldi, oltre che dal Signor La Chimia che aveva un negozio di elettrodomestici (nonno di chi scrive), dallo stagnino, Mastro Francesco, per imparare il mestiere: Via Garibaldi era la strada degli artigiani, falegnami, stagnini, barbieri, sarti, calzolai”.
Via Garibaldi è la strada principale del centro storico di Nicastro (Lamezia Terme) ed è situata sul percorso che conduce all’antico rione di San Teodoro e al Castello di Federico II.
Il lattoniere è colui che fa lavori con la latta stagnata. Un’arte antica, essendo lo stagno uno fra i primi metalli usati dall’uomo per le sue proprietà anticorrosive. Il principale impiego dello stagno è rimasto costante nella fabbricazione della latta, sottili fogli di acciaio dolce coperti da un sottile velo, di qualche millesimo di millimetro, di puro stagno da entrambe le parti. Vari sono i lavori che si riescono a produrre. Le opere delle varie epoche dell’artigianato, della parte del mondo da cui provengono, raccolte nei musei, sono il frutto della partecipazione dei loro realizzatori a un’antica tradizione di mestiere. L’artigianato oggi va scomparendo. Ci sono pochi lattonieri che realizzano una varietà d’oggetti modellando a mano, come sempre, maggiormente la latta per trovare il modo di ottenere la forma finale che possa sempre meglio soddisfare l’occhio e la funzionalità. Anche i lattonieri, come gli altri artigiani, ancora oggi, interpretano i lavori alla luce della propria abilità, assumendo dimensioni e particolari di costruzioni secondo la propria abilità. Una buona educazione artigianale esige un lungo periodo di addestramento, poiché non esiste un sistema per acquisire abilità all’uso degli attrezzi, che richiedono rapidi e abili movimenti del corpo. Il periodo di lungo apprendistato porta l’artigiano a divenire un tutto unico con i suoi attrezzi, tanto da potersi fidare della propria abilità e interpretazione personale delle innovazioni alla propria tecnica di lavoro.
“Oramai, - continua Mastru Benitu - svolgo questa attività solo per avere un impegno, per non andare in giro in città senza fare nulla. Lavoro non ce n’è. Durante le feste di Natale, trasporto tutto il materiale del mio negozio nel quartiere di San Teodoro e, nel corso della rievocazione della Nascita di Gesù Cristo, rappresento la mia arte ed il mio mestiere in Via SS. Salvatore, come gli altri artigiani i loro”.
Fausta Genziana Le Piane



Sposarsi in Calabria
I Consigli della Nonna
Apparizione di Padre Pio
Indovinelli
Storia e curiosità
Costumi Calabresi
Tesoro e tomba di Alarico
Auto Storiche in Calabria
Interviste della dott.ssa Fausta Genziana Le Piane
Prêt-à-porter e moda in Calabria
I test di Calabresità di Fausta Genziana Le Piane
 
Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

Itinerario poetico di Franco Costabile a Sambiase in Calabria

Maurizio Carnevali, il pittore di Fabrizio De Andrè e Francesco Guccini

Intervista ad un artista dal multiforme ingegno Antonio Francesco Caporale: le parole non bastano

Intervista a Luca Policastri vincitore per la fotografia del premio calabrese dedicato al poeta Franco Costabile

Primavera nel centro storico di Lamezia Terme

Parliamo del quindicinale “Kenavò” o…di Fausta Genziana Le Piane?, di T. M. Patti

Ritratti di donne calabresi del nostro tempo Vannella Butera: poetessa e imprenditrice di talento

“Quadrature”, la prima e unica galleria d’arte moderna a Lamezia Terme Intervista alla dott.ssa Caterina Cuda

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro Figulus, il vasaio della terracotta d’autore

“Ogni cominciamento ha bisogno di neve per nutrirsi” Le canzoni d’amore di…Dante vincono il premio Camaiore!

Quando vince la collaborazione tra le singole competenze. Progetto Burka

Mestieri d’altri tempi: il lattoniere

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. I “Figulini” crescono grazie al vasaio Francesco Serratore

Giuseppe Smirne: i colori delle radici

Di che intarsio sei?

Via Crucis, Via Lucis?

Un muro di storia


Leonardo Caimi, voce della Calabria nel mondo

Intervista a Pino Caimi autore di “Caos è destino”

Figulus e la tavola del lavoro

Sebastiano Guzzi, una vita per la musica

© 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>