Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Mali di Calabria

Speciale Col - Piaghe di Calabria
Il Fattore "R"
Pagina 1 di 2  
Pagina 1 | 2
 
Mezzogiorno d'Italia, fattore R
Il fattore "R", ovvero “ rimesse ”, ricostruisce il Paese e fa decollare lo sviluppo economico nazionale.
Secondo dati dell' Ufficio Italiano Cambi, nel 1947 l'ammontare delle rimesse si aggirava intorno ai 32 milioni di dollari, nel '49, si sarebbe passati a 90 milioni di dollari, nel '52 a 102 milioni, nel '59 a 246 milioni, nel '60 a 288 milioni di dollari, dal '45 al '60, poi, le rimesse entrate attraverso altri canali diversi rispetto agli usuali sarebbero stati di 2 miliardi e 40 milioni di dollari.
Cifre assolutamente incomplete se si considera che all'Ufficio Cambi certamente sfuggono le rimesse sbarcate in Italia attraverso canali così detti "informali", cioè quelli non bancari. Nei decenni a cavallo tra Otto e Novecento gli osservatori del tempo definirono l’afflusso di capitali verso l’Italia generato dalle rimesse dell’emigrazione e distribuitosi capillarmente nelle campagne di tutta la penisola, in particolare nelle zone piu povere, sia dell’arco alpino che dell’appenino meridionale.
Dai quasi 132 milioni di lire al valore corrente nel 1902, le rimesse complessive dell’emigrazione italiana appaiono raggiungere gli oltre 716 milioni nel 1913 media annuale poco inferiore ai 448 milioni.
Per quanto riguarda il peso relativo delle diverse forme di trasferimento del denaro, possiamo notare come gli invii effettuati per mezzo del Banco di Napoli risultino pari al 15 % dell’ammontare complessivo delle rimesse visibili.
A partire dal 1901 il Banco di Napoli ebbe dal governo l’esclusiva della raccolta dei risparmi degli emigrati. Un altro 15 % appare rappresentato dalle somme depositate nelle casse di risparmio postali. Il canale finanziario di gran lunga più importante per le rimesse ”invisibili” ottenute. Sono queste ultime a risultare le più consistenti e ammontano al 50 % delle rimesse totali. Non bisogna dimenticare che gli italiani avevano l’abitudine di riportare in patria nelle proprie tasche gran parte dei denari guadagnati.
Effetti molto positivi esercitano le rimesse dell’emigrazione anche sulla bilancia dei pagamenti. Una forte eccedenza delle importazioni sulle esportazioni ( 10.230 milioni di lire nei dieci anni compresi tra il 1902e il 1912 sopratutto dovuta alle necessita di approvvigionamento di materie prime per la nascente industria siderurgica, fu coperta per il 61 % proprio dalle rimesse le quali determinarono un avanzo nella bilancia dei pagamenti internazionali che consentì il rientro di una parte dei titoli pubblici sottoscritti all'estero.
In questo modo le rimesse dell'emigrazione divenivano una originale forma di trasferimento di risorse dalla agricoltura all’industria mediante la collocazione sul mercato internazionale a prezzi competitivi delle merci italiane piu abbondanti: la forza lavoro.
Ebbene, anche i proventi in valuta pregiata degli emigrati meridionali saranno dirottati per la crescita del Nord e solo del Nord, così come quelli derivanti della vendita dei prodotti agricoli del Sud all’estero.
Pagina 1 di 2  
Pagina 1 | 2
 



Storia della 'ndrangheta
La disoccupazione
La disoccupazione in Calabria
Fenomeni migratori
Nave dei veleni
 
Fenomeni Migratori

Emigrazione interna ed europea

Emigrazione transoceanica

Il Canale di Suez

Il fattore “R”

Cos'è l'Emigrazione

© 1997-2023 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>