Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Mali di Calabria

Speciale Col - Piaghe di Calabria
Un caso a parte: il Canale di Suez
Quando iniziarono i lavori del canale di Suez, la speculazione cominciò le ricerche di operai a buon mercato. La Calabria, dove la giornata lavorativa di un operaio valeva una lira e quella di una operaia solo la metà, divenne un territorio di caccia riservata per i " caporali " i quali facilmente trovavano capi squadra che ingaggiavano lavoranti.
I paesi maggiormente interessati da questo esodo migratorio furono Nicastro, Marcellinara, Tiriolo, Amato e Settingiano "paesi dove si trovano le più belle donne di Calabria e dove le contadine vestono un costume fantastico che suscita illusioni di bellezza in chi non ne ha e moltiplica la bellezza in chi ne ha". ( Barone Filippo Marincola San Floro, segretario della Camera di Commercio ed Arti di Catanzaro. Relazione sulle condizioni economiche, sociali e commerciali della provincia di Catanzaro (allora Calabria Ulteriore) in riferimento all'anno 1895.8 Giugno 1896 )

Gli imbarchi degli emigranti da questi paesi per Alessandria d'Egitto erano bisettimanali da Pizzo. "In Alessandria queste piccole tribù di lavoranti trovarono un fatto che li colpì: trovarono una richiesta inesauribile di balie che tante signore straniere, ricche di denari e povere di latte, o seguaci della moda di risparmiare i fastidi di allattare i figli, con generose offerte domandavano". Lo stipendio di 80 o 100 lire al mese ad una balia parve ai nostri emigrati il sogno del paradiso terrestre. Abituati nel proprio paese a sentir parlare di 10 lire al mese come il più alto stipendio per una balia, tutti quelli che avevano le proprie mogli lattanti "mossero cielo e terra per ordinar loro di dare a balia in paese i propri figli, pagando esse 10 lire mensili alle nutrici ed andarsene in Alessandria". La speculazione risultò fortunata. Tantissime donne lattanti giunsero in Egitto, trovando ricco e lauto collocamento. La voce si propagò e la febbre di vendere il proprio latte in Alessandria a 5 franchi il litro invase le donne di tutti i suddetti paesi. Le puerpere legittime davano i propri figli a balia e partivano per Alessandria. "Il brefotrofio di Catanzaro si popolava di inusitata affluenza: i figli illegittimi e spesso anche i legittimi divenivano suoi ospiti".

Così concludeva la sua relazione il Marincola: "Le belle giovanette divennero più facili all'amore, la fuga in Egitto era la valvola di sicurezza contro l'abbandono dell'amante infedele o i furori della famiglia disonorata; e le esagerazioni eccitavano la fantasia. Altri paesi dello provincia cominciarono a versare contingenti di balie in Alessandria. L'emigrazione dei lavoranti passò in seconda linea; l'emigrazione dominante fu quello delle donne. Le prime arrivate fecero fortuna col latte, al quale aggiungendo qualche ripesco di carattere intimo formavano il peculio segreto. Quando il bisogno di nutrici fu soddisfatto, le nuove arrivate, col fascino delle loro bellezze trovarono o impiego stabile di altro carattere, ovvero occupazioni saltuarie di piacevole sistema, che neI commercio internazionale fruttavano numerosi Luigi d'oro."
Ultimato il taglio dell'istmo di Suez, in Egitto rimaneva poca da fare. Le notizie di salari assai più alti in America determinarono la nuova corrente dell'emigrazione transoceanica.



Storia della 'ndrangheta
La disoccupazione
La disoccupazione in Calabria
Fenomeni migratori
Nave dei veleni
 
Fenomeni Migratori

Emigrazione interna ed europea

Emigrazione transoceanica

Il Canale di Suez

Il fattore “R”

Cos'è l'Emigrazione

© 1997-2023 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>