Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Risorse di Calabria

Speciale Col - Mari di Calabria
Storia delle Marinerie Calabresi
Pagina 1 di 15
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15
Introduzione
La Calabria con i suoi 780 Km di coste è la regione italiana con il più esteso sviluppo costiero, rappresentando il 10% circa dell’intero sistema litoraneo dell’Italia peninsulare. Le sue coste, rinomate sin dall’antichità classica per la loro fiorente pescosità, hanno favorito la nascita di forti tradizioni marinare. Nonostante tutto, la gran parte della popolazione calabrese si è tenuta per molti secoli fortemente arroccata sui monti. Nel IX secolo, il fenomeno, già presente a causa della presenza della malaria endemica lungo la maggior parte delle coste calabresi, fu ulteriormente favorito dalle incursioni arabe che avvenivano in massima parte dal mare. Tali incursioni ebbero l’effetto di accelerare il processo di arretramento delle popolazioni dalle coste all’interno della regione. A seguito di tale fenomeno, molti centri costieri come Locri, Temesa e Turio scomparvero; altri invece di nuova fondazione, come Catanzaro, Stilo, Gerace e Nicastro acquisteranno grande importanza nella storia dei secoli futuri.
Sulla costa tirrenica, laddove la malaria era scarsamente presente si svilupparono fiorenti scambi commerciali grazie anche alla presenza dei mercanti amalfitani prima, genovesi e pisani dopo: Reggio Calabria, Tropea e Amantea furono i principali centri di traffici durante questo periodo. Cetraro diventa il più grande centro cantieristico della regione e le commesse per le costruzioni navali provengono dall’estero e soprattutto dal governo spagnolo.
Pizzo, Tropea e Bagnara, invece, rappresentano le località dove, per antiche tradizioni, la pesca è l’attività più importante. Oltre la pesca del pesce spada, tipica della marineria di Bagnara, documenti storici citano la pesca del tonno praticata nel golfo di S.Eufemia. A tal proposito, lo storico Alberti dice testualmente che in quella zona, soprattutto nel mese di maggio, si pescavano un gran numero di tonni, addirittura in un sol giorno a volte anche mille di questi animali, che venivano salati e venduti in tutta Italia. La pesca avviene in maniera caratteristica: gli animali vengono segnalati dalla terraferma da dove vengono avvistati da torri costruite appositamente in posizioni strategiche.
In un documento del 1577 vengono citati i tonnarari come gente che si affittava le tonnare del Regno, stando fuori casa dalla metà di marzo, fino alla metà di ottobre.
Il naturalista Minasi da Scilla, annotando il corso dei branchi di tonni, di pesce spada e di delfini, aveva accuratamente notato che in particolare i tonni, spesso inseguiti dai defini che cercano di predarli, migrano controcorrente, per facilitare la cattura del placton, disposti a cuneo, secondo cioè il maggior profilo idrodinamico di resistenza.

Per quasi tremila anni, i pescatori hanno sviluppato una grande capacità di entrare in assonanza con i fenomeni naturali, rendendo possibile un rapporto quotidiano di interazione con un elemento “estraneo”, “infido”, e “pericoloso” come il mare. Operando in un ambiente così’ imprevedibile si è avuta la necessità di conoscere specificatamente luoghi, correnti, venti , tempeste, e non ultimo le abitudini della preda. Le numerose regole magico-rituali di cui le operazioni di pesca sono permeate, agiscono da strategia rassicurante nelle situazioni ignote o particolarmente rischiose, nonché come fattore propiziatorio e incentivante di una pesca fruttuosa.
La descrizione delle antiche imbarcazioni e le modifiche apportate nel tempo, dapprima impercettibili, poi sempre più drastiche, possono permettere di individuare i rapporti che i pescatori hanno stabilito con la natura e gli altri uomini.
E’ molto probabile che nel corso della storia, i diversi sistemi tecnici della pesca si siano combinati, perfezionandosi, adattandosi, sovrapponendosi, oppure, al contrario, restando in concorrenza l’uno con l’altro, per omogeneizzarsi solo in periodi recenti.
Nella pesca, o per meglio dire nella caccia al pesce spada, il compito di assalirlo con velocità e destrezza fu per secoli affidato al luntro. E’ un tipo d’imbarcazione risalente al XIV secolo, ma si ritrova menzionato in documenti d’archivio a partire dal XV secolo e sotto vari nomi (luntre, lontre, untro, luntru). Il suo nome pare derivi da “linter”, barca a fondo piatto utilizzata dai romani per la pesca e il trasporto. Il luntro veniva costruito in legno di pino, gelso e quercia, il cui scafo era dipinto di nero per risultare meno visibile al pesce e il cui interno era rosso nella parte inferiore e verde in quella superiore. L’albero ripeteva, alternandoli questi tre colori.
Per questa imbarcazione, nei secoli venne attuato un estremo adattamento. Nel XIV secolo è lunga 28 palmi (7,22 m) e concepita per otto rematori; nel XV secolo è ancora un’imbarcazione multifunzionale che può essere usata per diversi tipi di pesca; nel XVII secolo diventa un’imbarcazione sempre più slanciata ed è in questo periodo che si menziona per la prima volta l’esistenza a poppa di due piastre di legno chiamati anchinopoli, alle cui estremità sono fissati i due remi più corti che danno all’imbarcazione una maggiore mobilità. Nel XVIII secolo il luntro è un’imbarcazione a doppia propulsione e con doppio comando come una sorta di carro nautico. In quest’ultimo caso, ogni marinaio svolge una funzione ben precisa, mentre una volta alcuni di essi avevano un doppio ruolo (ad esempio, l’avvistatore fungeva anche da rematore), diminuendo la rapidità delle manovre. Questa riorganizzazione delle funzioni si accompagnerà nel XIX secolo, ad una strana inversione di termini: la prua si chiamerà poppa e viceversa anche se non s’invertirà la barca ma solo la distribuzione dei remi e la posizione dei rematori per far sì che il luntro sia un’imbarcazione idrodinamica adatta soprattutto per la pesca del pesce spada.
Pagina 1 di 15
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15




Sviluppo locale in Calabria
Sapori di Calabria
Miniere di Calabria
Mari di Calabria
Angolo della Natura
 
Mari di Calabria

Storia delle Marinerie Calabresi

Introduzione

La caccia al pesce spada

La caccia al tonno

Reti da pesca utilizzate

Tradizioni sacre e profane

Storia e tradizioni di alcune marinerie calabresi

Bagnara Calabra

Amantea

Melito Porto Salvo

Cetraro

Schiavonea

Fauna e Flora dell'ambiente Marino Calabrese

Prime anticipazioni del rapporto 2007 sullo stato di salute dei mari della Calabria, a cura di Mario Pileggi

Rapporto sullo Stato di Salute dei mari calabresi , a cura di Mario Pileggi

Le Regine dei Mari , a cura di Giovanni Musumeci

© 1997-2022 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>