Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Incoming|Da Visitare|Escursioni|Itinerari|Archeologia|I Paesaggi|Trasporti|Virtual Tour|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COl Tour | Archeologia

Krimisa
Ciro'
cirò
L'identificazione di Krimisa ancora non completamente risolta è attualmente a favore della zona attorno a Cirò Superiore, dove gli studiosi hanno evidenziato delle continuità abitative dall'età del ferro fino a quella romana; indiscussa è invece la collocazione del tempio di Apollo Aleo nei pressi di Cirò Marina ed il fiume omonimo è stato riconosciuto nel Lipuda.

Numerosi sono i ritrovamenti nell'area di Krimisa, nel 1914 Paolo Orsi ritrovò una necropoli dell'età del Ferro (VIII a.C.), con vasi e bronzi, in località Cozzo a Cirò Superiore. Sempre da Cirò Superiore provengono sei asce bronzee. All'età successiva (V-IV a.C.) rimandano alcuni reperti del santuario di Cozzo Leone, dedicato forse a una divinità femminile. Ritrovamenti del IV e III a.C. si susseguono con: mura, antefisse, ceramica, depositi votivi relativi al culto di Persefone, fornaci e necropoli. Piuttosto isolata, in contrada Oliveto si segnala una tomba a camera. In età romana, resti di ville sulla sponda sinistra del Lipuda. II santuario di Apollo, edificio, scavato da Paolo Orsi nel 1924, presenta due fasi costruttive: una tardo-arcaica (della fine VI a.C., con pianta di 46 x 19 m, e una di III a.C., quando, venne aggiunta una peristasi in pietra (8 x 19 colonne).

Al Museo Nazionale di Reggio Calabria, oltre a sei asce in bronzo da località S. Elia, si conservano i materiali provenienti dallo scavo che Paolo Orsi fece nel 1924 al tempio di Punta Alice: la testa e i piedi in marmo di un acrolito raffigurante Apollo (480 a.C.), una parrucca bronzea (480-460 a.C.) di un acrolito.

Al Museo di Crotone sono custoditi, i materiali della necropoli di Cozzo del Salterello (VIII a.C.), la ceramica greca di Taverna (VII-VI a.C.) e i materiali della stipe votiva di Cozzo Leone (V-IV a.C.). Dal santuario di Apollo provengono capitelli dorici del tempio, rocchi di colonne, frammenti di architrave, terrecotte architettoniche e un'antefissa a disco.




Preistoria
Magna Grecia
Arte Romana
Arte Bizantina
 
La Regione

Hipponion

Kaulon

Kroton

Locri

Sibarys

Rhegion

Krimisa

© 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>