Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 106

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Il volo degli uccelli e le viscere delle vittime

L'arte di trarre gli auspici dal volo degli uccelli è fra le più antiche forme di divinazione. Fra i calabresi si sono tramandate le usanze del mondo classico tipiche di questa forma di magìa e per mezzo dei proverbi e delle conoscenze di alcuni individui particolarmente dotati di capacità magica è possibile conoscere gli eventi futuri e sapere se ciò che accadrà sarà benefico o nefasto. Nelle campagne era diffusa la credenza che i gufi fossero portatori di disgrazie e, quando l'uccello volava intorno a una casa, l'unico modo per esorcizzare la mala sorte era uccidere il povero animale e inchiodarlo sull'uscio. Questa usanza barbara interpretava l'antica sentenza romana aves inauspicatae foribus affixae, secondo la quale solo la crudele uccisione dell'animale del malaugurio poteva scongiurare la sfortuna. La civetta (“pigula”) è di buon augurio alla casa dove si posa, ma di cattivo a quella dove guarda, infatti il proverbio dice «beatu duva seda, amaru duva vede». Il cuculo, l'uccello delle divinazioni, prognostica col suo canto la durata della vita di chi lo interroga; anche il corvo, ritenuto dagli antichi compagno di Apollo e perciò dotato di virtù profetiche, porta col suo volo fortuna o sfortuna a secondo che la direzione sia da destra a sinistra o da sinistra a destra. La tradizione dell'uccisione del maiale, ancora assai viva nelle campagne, assume dei significati speciali ed è accompagnata da particolari ritualità che fanno del pater familias, assistito dal primogenito, una sorta di sacerdote sacrificale; anche le carni del banchetto a cui vengono invitati parenti e amici, assumono significati precisi rafforzando i vincoli fra le famiglie. Prima della consumazione delle carni appena macellate è possibile trarre delle divinazioni: ad Altomonte si crede che le viscere insanguinate siano segno di buona fortuna; a Scigliano, se la padrona di casa è incinta, dalla consistenza del peritoneo si trae la divinazione sul sesso del nascituro: a Marzi si compie la stessa lettura sul rene del maiale messo a bollire nella caldaia del grasso. Orazio ha tramandato la notizia legata al sacrificio del maiale nell'antica Roma: esso avveniva con procedure assai simili ed era considerato un momento da consacrare ai Lari, i numi tutelari della famiglia. Nei doni di carne, che la famiglia in cui è stato celebrato il rito invia a parenti e amici, non deve mancare il fegato, considerato una parte di grande importanza e per questo segno di riguardo verso il destinatario del dono. Il ruolo fondamentale del fegato come organo in cui è possibile leggere gli eventi è stato tramandato nel corso dei secoli dalle più antiche credenze, anche di origine colta, fino alle culture delle classi popolari; Platone nel Timeo vede nel fegato il prodotto della divinazione intuitiva e considera quest'organo l'unìco in grado di mantenere, anche dopo la morte, tracce delle immagini e delle conoscenze acquisite, per questo le vittime sacrificali, per un transfert con la divinità, portavano nel fegato i segni dei voleri del ciclo.

 



Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>