Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 110

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
L'antica Tradizione Greca

 

Nell'antica Grecia si distinguevano tre diversi tipi di magia: pharmakéia, la maghéia e la goetéia. Questa impostazione sarà continuata in pieno Quattrocento dai filosofi naturalisti come Cardano, Della Porta, Campanella. Anch'essi, come gli antichi Greci, vedevano nella pharmakéia la pratica magica legata alla conoscenza delle erbe e dei loro principi medicamentosi, la maghéia la pratica di derivazione ermetica, orientale, cabalistica, attraverso la quale l'uomo colto si avvicina ai misteri divini, alla ricerca della conoscenza e della perfezione, la goetéia era invece la cosiddetta magia nera, in nome della quale si compivano i crimini più nefandi. Un preconcetto nei confronti delle donne voleva che queste fossero le più capaci di possedere l'arte della goetéia, un preconcetto che si manterrà vivo in tutto il Medioevo cristiano e nei tribunali dell'Inquisizione. Gli antichi Greci credevano che fossero le donne vecchie, arse da un desiderio sessuale inappagato, le streghe più temibili e identificavano nella Tessaglia il luogo in cui esse si riunivano per compiere i loro crimini raccapriccianti: si raccontavano storie di tombe di giovani violate, di fanciulli rapiti e sacrificati, di orrendi riti di cannibalismo uniti alla più sfrenata ricerca del piacere. Anche nell'antica Roma vi era il terrore delle streghe; ne è testimonianza il racconto che fa Trimalchione ai suoi commensali durante la cena descritta da Petronio Arbitro nel Satiricon in cui un ragazzo giovane e bello muore e il suo corpo viene violato e martoriato dalle streghe. Petronio conclude dicendo: «Esistono donne che sanno cose che noi non immaginiamo nemmeno, maghe notturne capaci di capovolgere l'ordine naturale delle cose». Anche Apuleio nelle Metamorfosi descrive una donna nell'atto di compiere riti magici nel chiuso del suo antro-laboratorio dove «Fanno bella mostra membra in gran copia strappate ai cadaveri dopo il compianto funebre e persino dopo la sepoltura: qua nasi e dita, là chiodi di condannati al supplizio della croce con su dei brandelli di carne, altrove fiale contenenti sangue di giustiziati e teschi recisi, contesi alle zanne delle fiere. Successivamente ella recita le formule magiche su delle viscere ancora palpitanti, sparge in espiazione liquidi vari e offre libagioni di vino mescolato. Poi intreccia e annoda tra loro capelli e li pone a bruciare nella brace insieme a una gran quantità di profumi. Ecco che subito l'irresistibile potenza dell'arte magica costringe i Numi a intervenire con la loro occulta energia…». Dalla letteratura romana, dalla mitologia greca e germanica si è ereditata la credenza della donna che si trasforma di notte in strega dalle sembianze d'uccello predatore, volando nei cieli fra grida terrificanti e pronta a entrare nelle case per divorare i bambini. Le donne accusate di questi crimini erano quasi sempre donne sole, anziane, vedove, senza alcuna protezione sociale sulle quali venivano riversate tè paure più profonde delle classi popolari. Dal punto di vista giuridico queste donne, proprio perché non erano più sotto la tutela del padre u del marito, non avevano una loro identità e l'autonomia che conquistavano attraverso la vedovanza era spesso oggetto di riprovazione sociale tanto che su di esse prendevano forma tutti i pregiudizi e le fobie sessuali del popolo. Spesso l'accusa di maleficio di cui sono oggetto le donne colpiscono proprio quelle anziane che per esperienza sono in grado di conoscere i segreti delle piante e le loro virtù terapeutiche: ciò avviene anche a causa dell'arretratezza della medicina e della diffidenza con cui vengono considerati gli studi dei saggi e dei filosofi. Le streghe sono causa di malattie e colpiscono le persone con ogni sorta di maleficio tanto da procurare paralisi, gonfiori, dolori agli arti, alto stomaco, al capo e gli esperti in materia assicuravano che esse erano in grado di fare uscire dalla bocca del malcapitato aghi, ferri, pietre e carta.

 


Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>