Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 102

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Superstizioni e tradizioni magiche

 

I giorni hanno grande importanza nella pratica magica e possono essere fasti o nefasti: il venerdì è il giorno di crisi in cui è di cattivo augurio battezzare i bambini, cambiare gli abiti, tagliare i capelli e le unghie. A Bisignano non si faceva mai visita di venerdì a una donna appena maritata o che avesse da poco partorito perché sarebbe stato di cattivo augurio. Il sabato è invece il giorno delle streghe, il giorno in cui il demonio può prendere corpo in un caprone, mentre il giovedì era da considerarsi di semiriposo e alcune operazioni, come ad esempio curare i bachi da seta, non dovevano essere compiute. Anche la notte ha un'influenza sugli uomini perché è consacrata agli spiriti e alle ombre: dopo il calare del sole non si deve prestare il lievito, altrimenti il pane non crescerà, le madri non portano in braccio i bambini, ma devono essere i padri a proteggerli dagli spiriti della notte. Nei momenti di crisi dell'anno, a Capodanno, alla Candelora, nella notte di San Giovanni, le streghe si impossessano dell'aria intorno ai villaggi e si possono allontanare solo con gli strepiti dei tamburelli e di altri strumenti improvvisati o con gli scongiuri. Come per la spina solstitialis dei Romani, anche i calabresi affidavano ad un'erba magica il potere di fugare i demoni: è l'erba di S. Giovanni, usata anche da altri popoli d'Europa per questo scopo e che appariva nelle formule magione dei druidi e delle streghe. Inviare dei mazzi d'erba di San Giovanni era segno di buon augurio e voleva essere un gesto di pace e di fratellanza, i legami che si stringevano con l'invio di questa erba fiorita potevano durare tutta la vita e unire le famiglie con un vincolo più forte di quello che esisteva fra parenti. Le “magare” conoscevano i segreti dell'erba di San Giovanni che si credeva avesse il potere di allontanare i demoni, ma anche di evocarli, e nei villaggi rurali le donne pratiche di magia venivano trattate con timore e con rispetto, chiamate con l'appellativo di zia o comare, come i francesi le chiamavano sage femme o bonne dame, un modo per attirarsi le loro simpatie allontanando il pericolo di iettature e sortilegi. Le “magare” uscivano di notte e sotto forma di uccello notturno potevano insidiare i bambini nelle culle e rapire le ragazze trasportandole lontano; avevano il potere di ammaliare le persone con formule e filtri, eccitare l’odio o l'amore, produrre malattie, gettare il malocchio su uomini e animali. La sua vicinanza alle forze della notte, al potere misterioso della luna, la rendeva capace di trasformare gli uomini in lupi e questi disgraziati passavano le notti di luna piena urlando e camminando carponi per le strade intorno ai villaggi. Solo l'uso di scongiuri (“carmare o fare u carmu”) poteva preservare da queste influenze e dovevano essere recitate di notte in una chiesa, cercando la vendetta contro !e potenze malefiche. Le donne colpite da emicrania, per liberarsi dal malocchio che le aveva colpite che prendeva la forma di malore, recitavano lo scongiuro;

“Miseria maledetta,

vatti a mari ad annigari

chista è carni benedetta

e non hai tu chi ci fari.

Carrica e scarica, pitittu e miseria, rugna e tigna,

tu quannu vidi a mia morta ma cadi”.

Quando una “magara” buona era chiamata a contrastare un maleficio, recitava il carme di scongiuro, metteva in bocca un pizzico di sale e poi leccava tre volte la fronte dell'affascinato e per tre volte gli alitava sul viso. Dovendo iniziare alla magia una giovane donna, si aveva cura di trasmettere le formule magiche durante la notte di Natale, fuori da tale giorno ogni passaggio di conoscenze occulte era tabù. Insieme agli scongiuri e al sale fra i rimedi magici primeggiava la ruta, una pianta dal potere narcotico che, per avere valore magico, doveva essere raccolta dopo la mezzanotte. L'uso della ruta è documentato fin dall'antichità, era la pianta sacra ad Ecate, la dea degli incantesimi e raccolta in ramoscelli aveva la capacità di allontanare dai luoghi dove veniva posata spiriti e influenze nefaste. Fra gli strumenti usati dalle “magare” sono da annoverare anche i teschi di alcuni animali, i chiodi di ferro, gli amuleti; la saliva era considerata un importante mezzo magico, sputare tre volte in terra, ripetendo uno scongiuro, era un modo per contrastare il malocchio e i demoni maligni. Spesso all'atto dello sputare si aggiungeva l'esclamazione “otto e nove”, reminiscenza della magia dei numeri di origine pitagorica secondo la quale il 9 è il primo quadrato fra tutti i numeri originato dal 3 numero perfetto, mentre 8 è formato dal cubo del 2 primo numero pari. Fra gli amuleti magici, molti legati al collo dei bambini per tutelarli dalle malattie e dal fascino, vi sono forme molto antiche come piccole forme di pietra forate, scaglie di salgemma, piccole chiavi di ferro o di argento, piccole scuri: diffusissimo è l'uso del cosiddetto abitino, minuscole sacche di tessuto in cui venivano riposte foglioline di palma benedetta, cera dell'altare, grani d’incenso, tutto rigorosamente in numero di tre. Quando nell'antica Roma scoppiava un'epidemia, i censori avevano il compito di recarsi nel tempio di Marte e di portare sull'altare un chiodo di ferro: questo oggetto scaramantico aveva il potere di tutelare caricando su di sé le malattie e le cattive influenze. L'uso di questi chiodi era assai diffuso e venivano chiamati chiodi della Fortuna; durante il Cristianesimo il chiodo divenne l'oggetto in cui amava tramutarsi il demonio e nelle pratiche di esorcismo spesso gli indemoniati, all'atto di liberarsi dallo spirito maligno, vomitavano chiodi. Questo costume, conosciuto e praticato in Calabria, era assai diffuso fra pastori e contadini i quali usavano appendere al collo degli animali, insieme al loro sonaglio, un piccolo chiodo che una “magara” aveva reso capace di allontanare il malocchio. Le maghe conoscevano anche il modo di dominare i fenomeni atmosferici, poiché fra i calabresi era seguita l'opinione, comune fra i neoplatonici, che fossero i demoni, abitatori dell'Aria, a scatenare gli elementi. Per dare forma cristiana a questa credenza si usava invocare santa Barbara, la sola ad avere potere sugli elementi indemoniati.

“Santa Barbara affaccia, affaccia

che ci passano tre galere,

due di acqua e una di vientu,

Santa Barbara fa buonu tiempu”.

 

 

 

Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>