Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 106

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Il tempo del solstizio d'inverno

Come i Latini ricordavano la presenza nel Lazio di Saturno, dio dell'agricoltura, festeggiandolo nei Saturnali nel solstizio d'inverno, così i contadini calabresi hanno accolto le festività della fede cristiana mantenendo forme rituali provenienti dal mondo classico. Anche le antiche Sigillarie, sacre a Giano, l'antico dio italico del Sole, e le Agonalia, festività celebrate nei primi giorni del mese di gennaio e con forti connotazioni orgiastiche, hanno lasciato un segno nel mondo contadino. Saturno e Giano sono le divinità dell'età dell'oro, quando secondo le leggende la terra produceva spontaneamente ogni cosa, nei fiumi scorreva latte, i tronchi degli alberi stillavano miele, gli animali non temevano gli esseri umani. Per un popolo costretto a strappare con grande fatica i doni della terra, i momenti festivi del solstizio d'inverno rappresentavano l'occasione per ribadire il legame con la divinità, proiettando in una visione di dono e di festa le speranze per i successivi raccolti. Durante il Natale, nelle famiglie contadine si consacrava il fuoco e si benedicevano le mense: in alcuni paesi si usava lavorare pani rituali a forma di croce e di corona, a volte a forma di animali come gli antichi pani usati nei sacrifici. La notte di Natale è la notte della magia, della trasformazione, la notte in cui si possono trasferire le parole delle formule magiche, degli scongiuri usati contro il malocchio. Nel villaggio di Grimaldi alla mezzanotte di Natale veniva attinta alla fontana l'acqua, capace di allontanare qualunque male e di portare ricchezza e felicità, tanto che le donne che vi si recavano a quell'ora dovevano far finta di non riconoscersi e si coprivano d'un panno nero senza proferire parola con alcuno. Se queste prescrizioni rituali non erano ottemperate, l’acqua muta, questo è il nome che si dava all'acqua magica di Natale, perdeva ogni potere. Ogni famiglia contadina non toglie le vivande dalla mensa della vigilia di Natale, credendo che dopo mezzanotte scenda la Madonna col Bambino, mangi il cibo sulla tavola e asciughi al fuoco i pannolini di Gesù. La notte del solstizio è una notte magica perché le divinità scendono sulla terra, ma i mortali non possono vederle, altrimenti correrebbero dei rischi terribili, come l'indovino Tiresia, divenuto cieco dopo aver scorto Atena nel bagno. Un'altra credenza di origine antichissima è quella che vuole che gli animali, una volta l’anno, abbiano il dono della parola. In alcuni paesi si crede che ciò avvenga la notte dell’Epifania, tanto che contadini e pastori danno da mangiare in abbondanza ai loro animali, temendo che essi, una volta in grado di parlare, possano accusare i loro padroni di essere avari.

 

 

Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>