Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 102

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Il fuoco, le foglie, le voci

 

Dal fuoco dei sacrifici antichi si traevano gli auspici. Alla stessa maniera in Calabria si traggono delle conoscenze dal modo in cui arde la fiamma: se il fuoco fa rumore, una persona lontana parla di noi, se una fronda di lauro o di olivo gettata nel fuoco si accartoccia e balza via è segno che si è amati, se la fiamma di una lucerna arde dritta e immobile, il segno è fausto e se in casa una persona è ammalata è segno che guarirà presto, se la fiamma arde diseguale l'auspicio è cattivo. Per conoscere la propria fortuna si usa bruciare della carta e invocare sant'Antonio d'u focu con una cantilena segreta: dal modo in cui la carta arderà e dalla forma che prenderà una volta consumata, si potranno trarre gli auspici. Le foglie e i petali dei fiori sono strumenti di divinazione, essi danno risposta ai dubbi d'amore; dal modo in cui si schiaccerà una foglia di papavero, i ragazzi possono sapere se sono ricambiati nei loro sentimenti. La stessa credenza ci viene tramandata da Teocrito; il capraio innamorato, ma non corrisposto, piange le sue pene d'amore dicendo: «Io mi accorsi, cercando di sapere se m'ami, che non fece scoppio la foglia del papavero schiacciata, ma sul morbido braccio appassita mi restò invano». Insieme alle foglie e ai petali, molte sono le cose della natura che possono essere interpretate come segni e divinazioni. La lucciola (cariola, licemella, colombina) porta l'augurio di un'anima buona, per assicurarsene le grazie i fanciulli usavano correrle dietro promettendo all'animale cibo e cure; «Cariola, scinni e vola. ca ti dugnu pane e ova» cantavano i fanciulli di Longobardi quando scorgevano le lucciole nei prati. Anche nei voli di calabroni e di vesponi c'è il segno del destino, dal modo in cui si aggirano in una stanza è possibile trarre gli auspici. Infausti segni del destino sono i cani neri, considerati fin dal Medioevo personificazioni del demonio; l'ingresso di un simile animale all'interno di una casa era inteso come un presagio assai negativo. Spesso, durante il viaggio di un contadino, di un viandante, capitava di imbattersi in animali e in uomini, i! modo in cui questi si manifestavano al viaggiatore assumeva dei significati ben precisi negli incontri casuali si potevano scorgere i segni del destino, a volte la stessa morte o il diavolo affrontavano il viandante sotto forma di animali o di uno sconosciuto. Durante questi viaggi solitari un uomo, assorto nei propri pensieri, poteva ascoltare una voce, un suono, proveniente da uno spirito che voleva avvisarlo di qualcosa: le voci misteriose provengono dagli dèi o dal mondo delle ombre e alla stessa maniera come Ulisse manda nella notte una preghiera e l'affida a Giove affinché la metta sulla bocca di uno sconosciuto, così anche un uomo mai visto, o un bosco, una montagna, possono trasmettere messaggi provenienti da mondi lontani. Anche le voci misteriose dello scricchiolio di una trave o di un mobile possono essere messaggi degli spettri mandati nel mondo degli uomini per predire una sventura; anche ascoltare un pianto lontano o delle grida sono presagi funesti, mentre i suoni e i canti che porta il vento sono da intendere come segni di felicità.

 


Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>