Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 108

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Il magico mondo dei folletti calabresi e i loro nomi.

 

E’ difficile immaginare che esistano tra gli esseri favolosi che popolano i racconti e le cronache della Magia, personaggi più misteriosi e bizzarri degli Gnomi, dei Fauni, degli Elfi, delle Ninfe,di quei piccoli rappresentanti invisibili della Natura, conosciuti in ogni pane del mondo sotto vari nomi e che noi, fin da bambini, dalle prime favole di fate e di streghe, impariamo a conoscere come Folletti. Certo, parlare oggi di questi antichi abitatori de «l'Altro Regno», può forse apparire più come un omaggio al «fantasy», che un tentativo di indagine seria in una realtà sconosciuta o poco esplorala della nostra cultura. Ma se riflettiamo un attimo sul fatto, innegabile d'altronde, che fino a pochi anni fa. soprattutto nelle nostre campagne e tuttora in alcune località non completamente contaminate dai residui corrosivi della «civiltà dei consumi», i folletti spiavano con i loro occhi vispi e curiosi, nascosti tra le foglie, dietro i cespugli, i poveri abitanti di paesi e villaggi, combinando spesso piccoli scherzi innocui o regalando fortune inattese, temuti, rispettati, a volte amati e spesso comunque accettati come elemento naturale e quasi «familiare» della vita quotidiana delta gente comune, si potrà almeno considerare l'ipotesi, meno azzardata di quanto possa sembrare, che qualche cosa dì più importante della semplicistica diagnosi risolutiva della suggestione o della fantasia popolare, si nasconda dietro il mito dei folletti. Ogni città, ogni regione, addirittura ogni paese, praticamente, ha nominato un proprio «folletto protettore», attribuendogli un nome quantomeno bizzarro. I Monaci Folletti sono folletti presenti soprattutto in Calabria, mentre, il Monacello è il nome che viene dato comunemente al folletto burlone, diffuso in tutta l'Italia meridionale. In particolare gli Augurielli, invece, sono presenti soprattutto in provincia di Catanzaro e, secondo il locale folklore, sono paffuti, con piedi a forma di zoccoli di cavallo e un berretto rosso sulla testa ricciuta. Portano fortuna a chi li incontra, sono molto gelosi delle case che abitano e bersagliano di scherzi i nuovi inquilini. Sono attratti da tutto ciò che luccica e per farseli amici è d'uso regalare loro oggetti di piccole dimensioni. A Catanzaro viene chiamato, invece, “U’ Monacheddu”; coloro che lo hanno visto dicono che il tipico aspetto di questo folletto è quello di un «nanetto vestito da frate, con fibbie d'argento ai sandali e lo zucchetto rosso in capo». Si ritiene che chi riesce ad impossessarsi di questo caratteristico copricapo, sia molto fortunato; un po' come chi riuscisse a trovare la fine dell'arcobaleno, dove secondo una poetica leggenda popolare dovrebbe essere nascosta una bella pentola di monete d'oro! Tuttavia l'impresa non è affatto facile, sia perché lo spiritello appare assai raramente, sia perché, se il colpo dovesse fallire, U’ Monacheddu si vendicherebbe inesorabilmente dell'incauto, sacrilego ladruncolo. In ogni modo, a quel che si dice in Calabria, chi fosse in grado di rubargli il berretto, potrebbe facilmente vedersi offrire quale riscatto, «molto denaro o addirittura un tesoro». La tradizione vede i folletti anche nei panni di guardiani di tesori ed è tuttavia assai antica, già nella religione popolare della Roma dei Cesari, il termine Incubus assumeva anche il significato di essere soprannaturale custode di tesori. Incubo era inoltre l'epiteto dell'Ercole italico, amico dei contadini in cerca di tesori celati nella terra. I Faretti, sono folletti presenti in Calabria, molto simili agli Augurielli. Il Cuscu, è un folletto calabrese di indole maligna. U’ Fuddettu è il folletto presente nella tradizione folkloristica di Reggio Calabria. I Marrauchicchi, Marrauchini sono folletti presenti sulla costa jonica e sui monti della Sila in Calabria. «U’ scavuseddu» regna invece a Crotone.

 

 

Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>