Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 110

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Divinazioni

 

I segni naturali e le agitazioni improvvise e involontarie del corpo sono stati considerati degli strumenti attraverso i quali interpretare il volere delle divinità o conoscere l'avvenire; come nella divinazione palmica dei Greci, anche i calabresi attraverso i movimenti dell'occhio, gli sbadigli, gli starnuti, interpretano il futuro, si accorgono del malocchio. Sono molti i proverbi che sintetizzano il significato dei movimenti involontari del corpo:

«uocchiu destru, collera prestu» (Acri);

«Mancu joca francu» (Altomonte);

«uocchiu destru contrastu, uocchiu mancu speranza» (Marzi);

conferendo un valore positivo o negativo agli sguardi o ai battiti involontari dell'occhio. Anche l'apparire del singhiozzo assume un valore di divinazione («s'edi a bene trattene, s'edi a male vavattinne») interpretando come buono o cattivo presagio il perdurare o l'arrestarsi del fenomeno. Quando un individuo sbadiglia frequentemente è segno che è stato colpito dal malocchio; la “magara” o la donna esperta in pratiche magiche è in grado di conoscere il sesso di chi ha gettato il malocchio sul malcapitato e se gli viene fornito un oggetto appartenente all'invidioso iettatore, comincia lei stessa a sbadigliare senza mai fermarsi, fin quando non viene pronunciato il suo nome. Un'altra pratica divinatoria assai antica è l’interpretazione dei sogni. Spesso sono i morti a svelare il futuro, a volte sognare particolari oggetti o situazioni di cui si conoscono i significati, aiuta a conoscere quello che il destino riserva. L'uva significa lacrime e dispiacere, le uova morte di una persona cara, i garofani in boccio morte dei bambini, gli alberi cadenti la perdita del capofamiglia, l'acqua torbida intrighi e maldicenze, la morte di una persona cara significa il prolungamento della sua vita, la vista di un incendio, di una tomba, dì sangue, di oro ha il significato di eventi luttuosi. A Rossano, per scongiurare il cattivo augurio di un sogno, si recita a mo' di scongiuro un verso in cui si cerca la fiducia di san Giovanni:

“Chi beddu sonnu chi m 'haju sonnatu!

A Santu Giovanni ci I 'haju cuntatu:

Santu Giuvanni l'ha cuntatu a Cristu,

Chi beddu sonnu chi è statu chistu!”

Probabilmente san Giovanni, entrato nella religione popolare nel suo significato di divinità legata al solstizio estivo, proprio per il suo carattere di solarità è deputato a sciogliere gli incubi della notte; come i Romani narravano i loro sogni a Vesta, simbolo del fuoco, perché credevano che i fenomeni notturni dovessero essere interpretati al chiarore della luce, così nel mondo popolare calabrese san Giovanni svolge la funzione positiva di equilibrio verso tutto ciò che è notturno e instabile.

 

 


Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>