Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 109

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
I cicli della natura. Festività e cibo

 

Come in tutti i popoli contadini, anche in Calabria si usava consacrare le primizie alle divinità. Le feste pagane ereditate dal mondo greco-romano sono state sostituite dalle festività cristiane e ancora oggi in molti paesi sono vive le antiche consuetudini, molte delle quali si sono mantenute grazie alla tradizione gastronomica che legava alcuni alimenti e alcune particolari preparazioni, ai momenti fondamentali dei cicli agrari. La realizzazione di pani rituali formati da un impasto di farina e miele è tipica di moltissime feste dei santi patroni della Calabria: i pani hanno forme simboliche, zoomorfe e antropomorfe, probabilmente sostituzione figurata delle antiche vittime sacrificali. Nel giorno dell'Ascensione, come nelle antiche feste romane delle Palilie, in cui si faceva bollire la farina d'orzo nel latte e se ne faceva dono agli dei, i contadini calabresi usavano farsi dono di latte fra le famiglie e preparare cibi a base di latte da porre a tavola nel giorno di festa. Nelle Palilie si usava anche accendere grandi fuochi con degli arbusti odorosi di olivo, lauro e rosmarino e attraversarli saltandovi sopra come segno di purificazione; lo stesso rituale veniva celebrato ad Amendolara nel giorno dedicato a san Vincenzo. I fuochi rituali vengono accesi anche in onore di santa Lucia, soprattutto fra le comunità di pastori. La sera, chiuso il gregge, i pastori si ritrovano insieme intorno alla chiesetta dedicata alla santa che, in paesi come Castrovillari, Amendolara, Bianchi, Scigliano, era posta fuori dall'abitato. Al suono della zampogna i pastori raccolgono gli arbusti e accendono i fuochi accompagnando con suoni e danze i momenti della festa che culmina con il passaggio fra le fiamme e con danze mimiche di antichissima origine. Un'altra usanza della festa di Santa Lucia è la distribuzione di fichi secchi ai poveri: ad Altomonte era tradizione donare fichi secchi, cereali e legumi di specie diverse in numero di nove, offrendo ai bisognosi le nove cose di santa Lucia; a Rossano vi era la stessa usanza, ma le specie dovevano essere tredici, poiché il giorno tredici si festeggia la santa degli impossibili. Le offerte di cibo benedetto, simili alla mola salsa dei Romani, sacralizzano la festa e rinforzano i legami all'interno di una comunità. Anche la festa di Santa Lucia, nelle sue più antiche celebrazioni assumeva forme tipiche della cultura greco-romana; essa ricorda infatti le Faunalia dei Romani, celebrate nel mese di dicembre, in cui i pastori onoravano le divinità dei boschi, ritrovandosi insieme intorno ai fuochi fra suoni e danze. Molti fra i santi cristiani hanno svolto fra le comunità dei paesi della Calabria un ruolo assai simile alle divinità pagane, fungendo da legame fra gli uomini e i cicli agrari. Nel giorno di Sant'Antonio Abate ad Amendolara si usava, come nelle Ippocrazie dei Greci e nelle Censualia dei Latini, far riposare gli animali da soma e portarli nei luoghi sacri ornati da nastri e ghirlande; nelle processioni in onore della Madonna a Longobucco, si usava ornare gli animali da offrire in voto, così come accadeva nei rituali di sacrificio degli antichi, la stessa usanza vi era fra i contadini di Marano Marchesato che nella festa del Carmine portavano in processione i buoi, al suono dei tamburi, dopo avere decorato le corna con nastri e fregi.

 

 

Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>