Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 105

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Magia
 
Cantare il Maggio

L'elemento matriarcale delle religioni mediterranee è presente soprattutto nei culti della Grande Dea, la divinità femminile della Terra come potenza feconda. Anticamente venivano celebrate delle feste dette Majume in cui veniva adorata Maia, la dea della fecondità. Durante queste celebrazioni che si svolgevano nella tarda primavera, si compivano dei riti orgiastici e gli uomini e le donne si riunivano sulle rive del mare, dei laghi e dei fiumi e andavano insieme a bagnarsi. Il bagno rituale è collegato alla credenza nel potere guaritore delle acque. Le abluzioni avevano anche un significato di purificazione: Oreste, dopo aver ucciso la madre, tormentato dalle Furie, trovò la pace solo dopo l'immersione nelle acque di un fiume sacro. Le feste in onore della dea Maia furono proibite dall'imperatore Costantino in nome della nuova fede cristiana. Giuliano l'Apostata, rifiutando il Cristianesimo, le permise nuovamente, ma infine l'imperatore Teodosio, su pressione delle autorità religiose, proclamò un editto per la loro abolizione. Questi rituali venivano compiuti sulle rive del Mediterraneo orientale da secoli, probabilmente connessi alle credenze minoiche della "Signora della Natura". Essi erano così profondamente radicati nelle culture dei popoli da suggerire la necessità di una mediazione. I figli di Teodosio, Arcadio e Onorio, furono costretti a consentire nuovamente lo svolgimento di questi rituali e anche quando in seguito vennero definitivamente banditi, essi continuavano ad essere celebrati segretamente. Lentamente la religione cristiana assorbì queste esigenze rituali mitigandone i linguaggi e i comportamenti. Nell'VIII secolo d.C. alle Majume si sostituì "la giornata delle rose" e si diffuse un po' ovunque, nei paesi lontani dal mare, l'abitudine di riempire dei vasi d'acqua cospargendone la superficie con petali di rosa, allo scopo di favorire le virtù taumaturgiche che nella notte dell'Ascensione Cristo trasferiva alle acque. Fra le comunità contadine della provincia di Cosenza, nei villaggi di Vaccarizzo, San Giorgio e Spezzano Albanese si usava, nella notte precedente l'Ascensione, scendere a mare per un'immersione rituale; i devoti erano soprattutto donne e aspettavano sulla spiaggia che sorgesse il sole. Questo bagno purificatore, avveniva anche perché si pensava che l'acqua divenisse magica a causa del passaggio di Gesù che saliva al cielo accompagnato dagli angeli. Nel giorno dell'Ascensione si raccoglieva un'erba considerata magica, usata fin dall'antichità da streghe e guaritori per le sue virtù: chiamata volgarmente "ombelico di Venere", questa pianta dai piccoli fiori rossastri aveva il potere di attrarre la fortuna se veniva sospesa fuori dalle finestre in maniera tale che i fiori si volgessero sempre verso l'alto. Affinché l'erba dell'Ascensione, detta anche erba della fortuna, mantenesse il massimo potere benefico, doveva essere ricercata all'alba e al momento della raccolta si pronunciava un versetto augurale:

“Ben trovata fortunella,

quando Jesu jia ppi terra

chi tè disse, chi tè scrisse

Fortunella, chi le disse ?”

 

 


Questo rubrica raccoglie vario materiale raccolto sul web di autore/i sconosciuto/i, ma non ha intenzione di violare nessun copyright, pertanto se doveste trovare materiale coperto da tali diritti comunicatecelo e provvederemo  tempestivamente alla rimozione. Grazie.



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>