Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Antichi Mestieri - Quadararu
Le quadare
"U quadararu" è uno dei tanti mestieri scomparsi.
A volte succedeva che una " quadara " si sfondava o si ammaccava in più punti sia per qualche caduta che per il troppo uso. " U quadararu " interveniva per rimetterla a nuovo. Se era rotta ci voleva una " pezza " che ricavava da una pentola vecchia o in disuso e che, con chiodini di rame, applicava dalla parte esterna.
L'interno delle "quadare" e delle pentole in rame, veniva rimesso a nuovo stendendo dello stagno sulla superficie resa liscia, lucente ed uniforme, con una matassa di canapa che veniva strofinata fino a che il lavoro non era eseguito alla perfezione.
"U quadararu" aveva fama di essere abbastanza sfortunato perché, generalmente, tutte le volte che lui arrivava pioveva e il suo lavoro, svolto all'aperto, diventava più complicato. Era diventato un modo di dire " a furtuna du quadararu " per indicare una persona per nulla fortunata.
Il suo mestiere lo costringeva a essere sempre unto di nero e nero aveva anche il viso. Nel prezzo, contrattato prima, era sempre compreso un bicchiere di vino.
"U quadararu" era un artista nel lavorare il rame delle casseruole, dei secchi e delle "quadare".
Ora, con le pentole in acciaio inox, le padelle con i fondi in teflon, non si ha più bisogno della sua presenza, ma i sapori di una volta .........., e non ascoltiamo più le strofe allusive con le quali si presentavano nelle strade dei paesi:
Nue simu conza quadare;
simu venuti i Cusenza.
Di le brutte ci facimu pagare,
alle belle facimu cridenza.
Noi siamo riparatori di pentole;
siamo venuti da Cosenza.
Dalle brutte ci facciamo pagare
alle belle facciamo credito.




Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>