Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Cittā dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


Antichi Mestieri - Capellaro ( U’ Capillàru )
 

U’ Capillàru passa, cagnàtivi ì capilli !- Tra gli stretti vicoli della nostra Morano, s’udiva gridare a squarciagola.Il vicinato fino ad allora tranquillo,quasi deserto,s’animava d’incanto e le comari, alla spicciolata,uscivano dalle loro case per fare capannello attorno all’ambulante.Ognuna di esse,portava dentro uno scatolino,batuffoli di capelli,caduti sul campo delle severe “strigliate” mattutine.Per noi ragazzi,le scaramucce verbali urlate in dialetti quasi cugini,rappresentavano il massimo della goduria,per i litigi che ne scaturivano e per le allusioni piccanti e molto colorite. C’era infatti sempre qualche donna che pretendeva scambi impossibili , ed era sempre gelosa del trattamento riservato alle altre. A questo punto solitamente, scoppiava qualche litigio tra le donne, che se ne cantavano di tutti i colori. Imprecando, " ù capillaru " diventato ormai nervosissimo,con un gesto brusco, toglieva i capelli dalle mani delle sghignazzanti comari, e ripromettendosi di non passare più da quel vicinato, dava loro qualche oggetto corrispondente (sempre casalinghi) alla quantità di capelli ricevuta. Terminati gli scambi “importanti”, i ragazzini fino ad allora spettatori, chiedevano alle loro mamme qualche palloncino, ed erano pianti e arrivavano anche le botte come grandine a cielo sereno, per calmare i ragazzini in lacrime. U’ capillaru invitava allora le mamme dei piangenti ad aggiungere qualche dieci lire oppure un altro po’ di capelli, per accontentare i piccoli, e se queste rifiutavano, a volte il palloncino lo regalava lui. Calato il sipario sulle trattative,l’uomo sempre abbastanza trasandato, si caricava il “cestone” a tracolla, e i ragazzi e le donne l’aiutavano a scomparire sotto la mercanzia (si vedeva solo la testa); mentre s’allontanava tra i tortuosi vicoli, il suo grido come un lamento, ancora risuonava per le “vaneddre”di Morano: " ù capillaru passa cagnativi ì capìlli! " Poi tutto ricominciava uguale in un altro vicinato.

Contributo del ns. collaboratore Mario De Rosa

 

Clicca sulle foto per ingrandire

1876 pierre auguste renoir giovane donna che si pettina
edgar degas 1897 Donna che si pettina
Edgar Degas Donna che si pettina 1889 Museo dell'Ermitage San Pietroburgo
edgar degas 1897 Donna che si pettina
 
 



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

 
© 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>