Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Poesie Calabresi - Repaci Leonida
Repaci Leonida
Calabria  

I CALABRESI LASCIANO LE TERRE
1974 - Leonida Repaci a Luigi Spanò -

I calabresi lasciano le terre
dei padri risalendo la penisola
non li ferma il triangolo industriale
escono dai confini in volontario
esilio fermandosi al cancello
di una fabbrica a un pozzo di miniera
guidati dai negrieri dell'espatrio.

I più hanno con loro famiglia
i lattanti alla minna della mamma
i ragazzi sono carichi di trusce
coi polli dentro ancora vivi e all'erta.
A volte li ha seguiti un vecchio cane
che non ricorda più di essere vivo
per non farsi buttare alla strania...

Il premio anticipato sull'ingaggio
non sempre garentisce l'adempienza
del contratto abusivo. Troppo spesso
il lavoro non c'è, si raccomanda
di ritornar più tardi, si rispondono
alla fame parole aggrovigliate
che non dicono nulla al cristincroce...

Poi il povero bracciante calabrese
beffato affamato angustiato
capisce il perchè della tardanza,
si vuole il suo lavoro sottocosto,
non c'è altra alternanza, egli si piega,
accetta, alimentando col suo odio
i pidocchi cascati addosso a lui.

Pane che rompe il fronte della paga
pane salato pane maledetto
pane fatto di spighe avvelenate
pane che resta in gola e non va giù
pane che più ne mangi e non ti sfami
pane pregato da bocche di latte
pane affettato da lame di fiele...

I calabresi lasciano le terre
dei padri risalendo la penisola
i più hanno con loro famiglia
i lattanti alla minna della mamma
e quando ogni risorsa è consumata
non resta altra alternanza all'affamato
che un padrone lo assuma sottocosto...

Pane che rompe il fronte della paga
pane salato e maledetto
il calabrese pensa alla sua casa
tra vigna e ulivo arancio e ficodindia
pensa ai suoi vecchi che non rivedrà,
ora lo afferra la malinconia
se non una viltà una pazzia
è stata la sua fuga, una pazzia
che per tutta la vita sconterà.
Bisogna restare, bisognava
lottare a migliorare
le cose contro tutti e contro tutto.
Il suo vuoto nessuno lo colmerà.

I calabresi lasciano le terre
dei padri risalendo la penisola
il pane che guadagna è amarissimo
pane che rompe il fronte della paga
pane salato pane maledetto
pane pregato da bocche di latte
pane affettato da lame di fiele
da lame di fiele
da lame di fiele...
   
 




Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2022 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>