Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Unical: morte studente, i tre arrestati si difendono la droga non era nostra 22 / 04 / 2011

 I tre giovani arrestati per possesso di stupefacenti dopo la morte del loro collega universitario, Gianluca Grillo, hanno risposto al gip Salvatore Carpino, del tribunale di Cosenza, negando di aver a che fare con la sostanza stupefacente ritrovata e sequestrata lunedì scorso, subito dopo la morte di Gianluca, 28 anni di Torre Melissa, noto come “Panda”, studente di Economia all’Unical. Hanno anzi detto che quella droga era proprio di Grillo e che loro si erano attivati per farla sparire dalla sua stanza ed evitare così che i suoi familiari la trovassero. Per i tre, Giuseppe Delia (compagno di casa di Grillo), Mattia Campilongo, e Davide Merando, al termine degli interrogatori il gip ha convalidato gli arresti, concedendo però ai tre l’obbligo di dimora nei rispettivi comuni di residenza.
I giovani hanno ammesso che lunedì, poco dopo la morte di Grillo, andarono nella sua abitazione per prelevare la marijuana e nasconderla parte nella soffitta dello stesso edificio e parte nel giardino antistante lo stesso stabile. Delia consegnò poi agli agenti una busta in plastica, per metà contenente marijuana, nonchè diversi involucri in vetro contenenti la stessa sostanza, ammettendo di averne gettata dell’altra nel water. Intento comune dei tre universitari, che hanno negato di essere assuntori o spacciatori, sarebbe stato quello di proteggere il loro amico Gianluca, morto poche ore prima.
L’autopsia, effettuata mercoledì pomeriggio, chiarirà le reali cause della morte di Gianluca e per saperne di più ci vorranno novanta giorni. Ieri, nel frattempo, gli agenti della Mobile, su richiesta del pm Visconti, hanno proceduto col sequestro dell’intero appartamento che la vittima divideva coi suoi amici universitari. Ieri i funerali a Torre Melissa, con un’intera comunità a piangere la sua prematura scomparsa.

Fonte: ilquotidianoweb


offerta pacchetti vacanza mare calabria 2021
Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1559 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2021 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>