Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Cittā dei Ragazzi|Articoli|

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Cittā dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



'Ndrangheta: condannati 11 affiliati alla cosca Pesce 21 / 09 / 2011

Undici in tutto i presunti affiliati alla cosca Pesce della 'ndrangheta, tra cui Vincenzo e Francesco Pesce, zio e nipote entrambi capi del gruppo criminale, sono stati condannati al termine del processo col rito abbreviato svoltosi davanti al Gup distrettuale di Reggio, Roberto Carrelli Palombi.

Il processo, denominato All Inside, ha visto la condanna a 20 anni di reclusione per Vincenzo e Francesco Pesce; per gli altri nove imputati le condanne variano dai dieci ai due anni. 

Cinquanta milioni di risarcimento al Comune di Rosarno: è quanto ha stabilito il gup distrettuale Roberto Carrelli Palombi, a carico degli undici affiliati alla cosca Pesce.

Il Gup ha anche stabilito che gli imputati dovranno risarcire con dieci milioni di euro la Regione Calabria e il Ministero dell’Interno. Comune di Rosarno, Regione Calabria e Ministero dell’Interno si erano costituiti parte civile nel processo. E’ stata anche disposta la confisca di due società di calcio, l’associazione sportiva Rosarno e l’associazione sportiva Cittanova, che sarebbero state gestite dalla cosca Pesce.

L’accusa nei confronti degli imputati si basava, anche, sulle dichiarazioni di Giuseppina Pesce, figlia del boss Salvatore Pesce, che dopo avere iniziato a collaborare con la giustizia nell’Aprile del 2010 ha poi deciso di revocare la sua collaborazione.


Etichette:

'ndrangheta, cosca Pesce, Rosarno, risarcimento, Gup Reggio Calabria


offerta pacchetti vacanza mare calabria 2021
Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1383 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2022 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>