Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 99

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



La Sila, nuovo territorio gourmand 19 / 08 / 2020

Candidato a Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, il parco della Sila è un'eccezione paesaggistica e anche gastronomica. Ecco dove fermarsi.

Questo territorio è scrigno di tesori forestali e gastronomici. Funghi, castagne e delizie quasi tutte DOP e IGP: patate silane, caciocavallo di latte vaccino dall'inconfondibile forma a pera, carne di mucca podolica, salsicce di suino nero di Calabria e altri salumi quali capocollo, pancetta, soppressata.

Meglio sedersi a tavola prima o dopo una camminata tra gli 80 sentieri del parco, ripristinati insieme al CAI ed estesi per 700 chilometri tra foreste, pascoli, specchi d’acqua e quei bacini artificiali, creati un secolo fa per la produzione di energia idroelettrica, ora perfettamente integrati nel paesaggio. Come l’Arvo, da cui arriva la trota salmonata, vanto della trattoria Lorichella, e dove affaccia la migliore griglieria dell’altopiano, Il Brillo Parlante, chalet stile alpino tempio delle bistecche di vitello silano alla brace, servite con porcini o patate ‘mpacchiuse, tagliate a rondelle, cotte in poco olio e saltate con cipolla. Una bontà.

Poco lontano, per un dolce souvenir da portare via, ecco le marmellate fatte in casa a base di frutti selvatici delle Delizie di Marianna. Indirizzo affiliato al circuito Fattorie Aperte, che riunisce artigiani del buon gusto e aziende agricole con cucina. Una è la Fattoria Biò a conduzione biologica, gestita dalla quarta generazione di pastori che effettua ancora la transumanza dalla Sila al mare: 55 chilometri a piedi due volte l’anno, gennaio e giugno.

Qui siamo nella piccola capitale dell’altopiano, Camigliatello Silano. Dove sono d’obbligo almeno altre due soste della gola. Barrese, dinastia di maestri nella produzione artigianale di salumi, conserve, confetture, e la Tavernetta dell’hotel San Lorenzo. Una tavola ben nota ai gourmet, dove Pietro Lecce, oggi col figlio Emanuele, ha trasformato i piatti della tradizione in alta cucina, servita in ambienti dal design pulito ed elegante.

Ultima tappa, ai confini del parco, San Giovanni in Fiore. Dove fermarsi per l’imponente, romanica Abbazia Florense, cuore nel XII secolo dell’infiammata predicazione di Gioacchino da Fiore, e per Hyle, recente progetto dello chef Antonio Biafora. Che dà nuovo slancio ai sapori della montagna silana, reinventando tradizioni e ingredienti in un’etica di scambio col territorio basata sulla sostenibilità.


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 272 volte | Letto 4 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>