Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 22

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Rubriche

Storia & Curiosità
L'OLMO STORICO DI MONTEPAONE, ULTIMO ALBERO DELLA LIBERTÀ
Da poco si è concluso il bicentenario della Repubblica Partenopea del 1799. Una formidabile esperienza rivoluzionaria celebrata, dove prendeva piede, con la messa a dimora di una pianta. Era l'Albero della Libertà, sotto al quale si celebravano i momenti più importanti della comunità.
Con la restaurazione borbonica, gli Alberi della Libertà furono divelti e bruciati dal furore della reazione restauratrice. Oggi, in Italia, di quegli alberi non ne rimane traccia. O quasi, perché per fortuna a Montepaone, in provincia di Catanzaro, ancora svetta un ultimo residuato. Montepaone, come altri paesi del meridione, ebbe i suoi martiri. I cugini Luigi Rossi e Gregorio Mattei che furono afforcati il 28 novembre del 1799 nella Piazza Mercato di Napoli. E così, dopo tutto questo tempo sulla cima del paesino ionico svetta ancora quell'Albero proprio di fronte la casa natale di Gregorio Mattei. È un grande olmo, alto 14 metri, con una chioma altrettanto estesa ed un tronco enorme. Bisogna purtroppo aggiungere che i duecento anni cominciano a farsi sentire, mettendolo in pericolo. Il giornalista Franco Pitaro, già nel 1985, con alcuni scritti per primo l'aveva valorizzato, salvaguardandone la vita e scongiurando la morte. Un messaggio che nel 1997 raccoglievo e rilanciavo come socio WWF, quando I'olmo ha mostrato difficoltà dopo pesanti mutilazioni di gente senza scrupoli (ignota, s'intende!). Attacchi fungini e la carie incipiente del legno hanno messo in pericolo la sopravvivenza, anche se il pericolo è stato alleviato da un primo parziale intervento disposto dal Sindaco. Intanto, con ostinazione, si coinvolgevano associazioni, storici, politici tra i quali l'eurodeputato On. Gianni Pittella, giornalisti, scienziati ed a difesa dell'olmo della libertà intervenivano il WWF, il Gr1, l'Istituto Studi Filosofici ed il Sindaco di Napoli. La Fondazione "Critica Liberale" gli dedicava la prima pagina del suo sito Internet e il Ministero ai Beni Culturali che sta apponendovi il vincolo di bene storico. Ma l'intervento, forse, più interessante resta quello del Prof. Lorenzo Mittempergher e di Salvatore MORICCA dell'Istituto per la Patologia degli Alberi Forestali di Firenze (CNR). Gli studiosi, infatti, hanno deciso di porre l'attenzione al germoplasma dell'olmo crio-conservandolo sotto azoto liquido a -180°. Dal materiale genetico, per clonazione saranno ottenuti olmi identici a quello di Montepaone, già inserito nella banca dati degli olmi monumentali del continente europeo. E così, una volta riprodotte le piantine, abbiamo lanciato l'idea per distribuirle in tutti quei Comuni che ne faranno richiesta per piantare nelle piazze del Meridione tanti alberi della libertà a ricordo della storia della Repubblica Partenopea. Un modo originale per celebrare quei tragici avvenimenti, riaffermando le nostre radici storico-culturali. E già cominciano a pervenire richieste delle piantine. Una arriva da San Vito dei Normanni (BR) dove all'Olmo di Montepaone hanno dedicato un capitolo in un libro da loro pubblicato. Su tale scia, si vorrebbe stabilire un gemellaggio ideale sul sacrificio di chi ha offerto la propria vita per I'affermazione dei principi che, apparentemente sconfitti, in seguito avrebbero costituito le basi del moderno stato democratico.
arch. Aurelio Tuccio
Via Cavour, Blocco I, int. 4
88060 Montepaone Lido (CZ)
Cell: 333.6309434 - Tel. 0967.577042
E-mail: aurucc@virgilio.it



Sposarsi in Calabria
I Consigli della Nonna
Apparizione di Padre Pio
Indovinelli
Storia e curiosità
Costumi Calabresi
Tesoro e tomba di Alarico
Auto Storiche in Calabria
Interviste della dott.ssa Fausta Genziana Le Piane
Prêt-à-porter e moda in Calabria
I test di Calabresità di Fausta Genziana Le Piane
 
© 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784