Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 27

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Rubriche

Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

La casa del Libro Antico

Il termine “casa” richiama alla mente l’immagine di un luogo dove è piacevole e riposante sostare e dove si ritrova la propria interiorità. La casa del libro antico a Lamezia Terme in Calabria è il posto dove il libro è custodito e protetto: non si tratta di un museo asettico ed impersonale, ma di un luogo gradevole di memoria e scoperta.
Franco Moscato, che mi guida per le sale dell’esposizione situata nel Palazzo dell’Istituto ex Avviamento, spiega nei dettagli i criteri di scelta della “casa”, dimostrando grande entusiasmo e amore per i libri.

Quale è la storia della Casa del Libro Antico?
La casa conserva principalmente fondi librari dei conventi dei Cappuccini e dei Domenicani di Nicastro (ora Lamezia Terme) che, a seguito dell’incameramento dei beni ecclesiastici da parte dello Stato unitario, nel secolo scorso, furono dapprima ammassati, depauperati e maltrattati, quindi, alla fine dell’Ottocento, costituirono il nucleo fondante della prima Biblioteca Municipale. Dopo aver subito un altro secolo di incuria, oggi sono stati catalogati e hanno trovato qui una dimora che li tutela.

Quanti volumi si trovano in questo centro?
Oltre duemilacinquecento, stampati nei secoli XVI-XIX nei vari centri italiani (Venezia, Roma, Napoli) ed europei (Lione, Anversa, Parigi) ove fiorì l’arte tipografica, alcune opere manoscritte dello stesso periodo e frammenti di codici manoscritti greci e latini recuperati quali maculature.

Quale è il fondo più numeroso?
Quello del 1700. La sala è utilizzata per manifestazioni in generale (presentazioni di libri ecc). La Casa del Libro Antico ospita e promuove, anche in collaborazione con altre istituzioni, seminari, corsi e convegni finalizzati a diffondere l’amore per il sapere e la cultura della lettura.
In questa sala c’è una prima riproduzione di incisione de La muta predicazione del 1711.

Quali sono i soggetti trattati?
Si tratta di opere di teologia, filosofia, patrologia, storia ecclesiastica ed esegesi insieme a raccolte omiletiche, agiografiche, canoniche e bullari.

Collaborate con le scuole?
Ad ogni inizio di anno scolastico si organizzano visite guidate per gli studenti ai quali vengono prospettati percorsi storici e metodologie di conservazione e tutela dei libri. Nel circuito delle visite, c’è la storia del libro, della fabbricazione della carta antica, della produzione del libro, del metodo di lettura del libro e delle immagini. Alcune Università, come la Facoltà di Storia, inviano studenti a frequentare stage perciò la biblioteca conserva anche tesi di laurea, per esempio sul fondo del 1600. Quasi tutto il periodo del 1500, che rappresenta la sezione più pregiata, è stato restaurato.

La biblioteca può essere consultata anche su Internet?
Non è ancora stato trasferito tutto il fondo.

Qualche ghiotta curiosità?
Abbiamo libri del 1500 postillati da Tommaso Campanella, anche se non è mai stata fatta una perizia calligrafica.
E’ conservato un faldone che riguarda la vecchia parrocchia di San Teodoro: si tratta di cinque fascicoli con certificati di nascita, matrimoni ecc e quattro faldoni dell’archivio storico dei Cappuccini di Nicastro (lettere, bolle papali, l’istituzione della festa di Sant’Antonio). Due notevoli globi, uno celeste del 1695 (in parte restaurato) ed un terrestre del 1744 troneggiano imponenti.
Infine, abbiamo un codice greco dell’anno mille e frammenti di una lettera di San Giovanni Crisostomo.

Fausta Genziana Le Piane



Sposarsi in Calabria
I Consigli della Nonna
Apparizione di Padre Pio
Indovinelli
Storia e curiosità
Costumi Calabresi
Tesoro e tomba di Alarico
Auto Storiche in Calabria
Interviste della dott.ssa Fausta Genziana Le Piane
Prêt-à-porter e moda in Calabria
I test di Calabresità di Fausta Genziana Le Piane
 
Le interviste di Fausta Genziana Le Piane

Itinerario poetico di Franco Costabile a Sambiase in Calabria

Maurizio Carnevali, il pittore di Fabrizio De Andrè e Francesco Guccini

Intervista ad un artista dal multiforme ingegno Antonio Francesco Caporale: le parole non bastano

Intervista a Luca Policastri vincitore per la fotografia del premio calabrese dedicato al poeta Franco Costabile

Primavera nel centro storico di Lamezia Terme

Parliamo del quindicinale “Kenavò” o…di Fausta Genziana Le Piane?, di T. M. Patti

Ritratti di donne calabresi del nostro tempo Vannella Butera: poetessa e imprenditrice di talento

“Quadrature”, la prima e unica galleria d’arte moderna a Lamezia Terme Intervista alla dott.ssa Caterina Cuda

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro Figulus, il vasaio della terracotta d’autore

“Ogni cominciamento ha bisogno di neve per nutrirsi” Le canzoni d’amore di…Dante vincono il premio Camaiore!

Quando vince la collaborazione tra le singole competenze. Progetto Burka

Mestieri d’altri tempi: il lattoniere

Artigianato e arte a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. I “Figulini” crescono grazie al vasaio Francesco Serratore

Giuseppe Smirne: i colori delle radici

Di che intarsio sei?

Via Crucis, Via Lucis?

Un muro di storia


Leonardo Caimi, voce della Calabria nel mondo

Intervista a Pino Caimi autore di “Caos è destino”

Figulus e la tavola del lavoro

Sebastiano Guzzi, una vita per la musica

© 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784