Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 37

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Mali di Calabria

Caratteristiche fondamentali delle organizzazioni criminali italiane presenti in ambito nazionale e internazionale
Testo di Giovanni Fàngani Nicastro
Ragazzi di Locri, Manifestazione contro la mafia
Reclutamento
Pagina 1 di 2  
Pagina 1 | 2
Il reclutamento avviene, come visto per le altre organizzazioni, secondo un rituale prestabilito e più rigido di quelli gia descritti; rituale che viene ripetuto per ogni “promozione” e che ha inizio con il “battesimo”, che può avvenire dall’età di 14 anni. Con tale rito l’aspirante entra a far parte della ‘ndrangheta con l’appellativo di “picciotto”.
Il battesimo, così denominato perché come con il battesimo nella religione cristiana il bimbo entra a far parte della Chiesa, parimenti l’aspirante diventa parte dell’organizzazione criminale, sarà celebrato in un posto isolato – preferibilmente una caverna in montagna – alla presenza del numero minimo di cinque picciotti più il celebrante che sarà uno ‘ndranghetista anziano.
Il rito inizia con le domande del celebrante sulla possibilità di dar luogo alla cerimonia. Ottenuta risposta positiva l’anziano, con “il Vangelo” in mano, ammonisce i presenti sull’importanza del rito e intima loro di assumere la posizione prevista con le braccia conserte.
Il cosiddetto Vangelo non è quello usato per le celebrazioni cristiane nella Chiesa cattolica, ma è un libro dove sono scritte le regole e i rituali dell’organizzazione criminale.
Quindi pronuncia le prescritte frasi: “Battezzo questo locale santo, sacro e inviolabile nella stessa maniera nella quale lo hanno battezzato i nostri avi dai quali noi discendiamo i cavalieri spagnoli Osso, Matrosso e Carcagnosso, e se un tempo questo luogo era un posto comune da questo momento diventerà un luogo santo, sacro e inviolabile. Se qualcuno non lo riconoscerà come tale ne pagherà le conseguenze con cinque zaccagnate nella spina dorsale come è scritto sulla regola sociale.”
 
Pagina 1 | 2



Storia della 'ndrangheta
La disoccupazione
La disoccupazione in Calabria
Fenomeni migratori
Nave dei veleni
 
Storia della 'Ndrangheta

Il Mito e la Leggenda

Cos'è la 'ndrangheta

Excursus Storico

Organizzazioni Criminali

© 1997-2018 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>