Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 140

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Speciale Col - Gli Articoli dei COLlaboratori

Contro i rifiuti tossici manifestazione nazionale ad Amantea in Calabria

Sabato 24 ottobre tutti ad Amantea per la manifestazione promossa dal Comitato civico “Natale De Grazia”, in sinergia con movimenti ambientalisti, sindacati, istituzioni e partiti per dire “Riprendiamoci la vita, vogliamo una Calabria più pulita”. Un sit-in nazionale con raduno previsto alle 9 sabato mattina sul lungomare di Amantea, cittadina sulla costa tirrenica cosentina, a metà strada fra Paola (dove è stata ritrovata arenata la “Jolly Rosso”) e Cetraro (dove è stato avvistato il relitto di una nave a 470 metri di profondità). L’obiettivo della manifestazione che interessa i calabresi, ma anche tutti gli italiani, è l’immediata bonifica dei siti contaminati dai rifiuti tossici e il recupero delle navi fatte affondare nel mare al largo delle coste calabresi. In particolare quello che chiedono ambientalisti, liberi cittadini, associazioni, movimenti e tutti quanti s’interessano della propria salute, è che siano bonificati i siti della valle del fiume Oliva, dove è stata accertata la presenza di rifiuti tossici e sostane radioattive, con conseguente e legittima preoccupazione di tutti i residenti dei vicini centri.
All’attenzione anche Cetraro, salita agli onori della cronaca nazionale per il ritrovamento del relitto di un’imbarcazione, probabilmente fatta affondare dalla ‘Ndrangheta, con un carico di rifiuti tossici.

Si pretende la bonifica di Crotone dove diverse scuole, asili e case sono stati costruiti utilizzando materiali radioattivi, infine, Praia a Mare dove sono deceduti 40 operai che lavoravano nella fabbrica “dei veleni”, la Marlane, in seguito a tumori.
La manifestazione ha avuto eco nazionale anche in seguito alle continue richieste, spesso disattese, avanzate dalla Regione Calabria, associazioni, istituzioni, per far luce sulla questione inquinamento e sugli interessi della criminalità organizzata nei confronti dello smaltimento illecito dei rifiuti velenosi. Riflettori che sono stati accesi, in particolare, in seguito alle dichiarazioni rese dal collaboratore di Giustizia, Fonti, che hanno portato al ritrovamento del relitto al largo di Cetraro, di cui ha ampliamente parlato anche la trasmissione televisiva “Blu notte”, del cronista Carlo Lucarelli.

Il Comitato civico è nato in ricordo dell’impegno del comandante della Capitaneria di porto di Reggio Calabria, Natale De Grazia, morto in circostanze sospette e mai chiarite la notte del 13 dicembre del’95 mentre, con altri colleghi, era in missione diretto verso La Spezia per fare luce sull’inchiesta relativa agli strani affondamenti di navi, in particolare della Jolly Rosso, arenata sulla costa di Amantea. Il comandante deceduto a soli 39 anni, che godeva di ottima salute, era una figura importante e centrale del team investigativo della Procura di Reggio che stava indagando proprio sul traffico illecito di rifiuti tossici verso le coste calabresi, le cosiddette “navi a perdere”. Non sono mai state accertate le reali cause del decesso. Le autopsie effettuate sul corpo di De Grazia hanno registrato un arresto cardio-circolatorio. Il capitano Natale De Grazia è stato insignito della medaglia d’oro al Merito di Marina “alla Memoria” consegnato alla moglie, Anna Vespia, dall’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi.

di Angela Mendicino

Vedi articoli su Nave dei Veleni



















































































































































Gli articoli dei COLlaboratori
Archivio articoli
Gli speciali dei COLlaboratori
Archivio degli speciali
Fuori di Calabria
Sport in Calabria
 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>