Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 46

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Speciale Col - Gli Articoli dei COLlaboratori

MALEDETTI SAVOIA
"L'Unità d'Italia, un'annessione forzata"

Leggendo " Maledetti Savoia" di Lorenzo Del Boca, vien difficile non chiedersi se  andò  proprio così come l'autore descrive nel suo libro le pagine del nostro Risorgimento.
A scuola ci hanno insegnato ad amare Vittorio Emanuele II e gli altri padri della patria per cui , leggere adesso che il re era un gagliardo sciupafemmine, baldanzoso e smargiasso, un re che sperperava il denaro dello stato e così via, si resta basiti.
Il quadro è dei peggiori e non si può che pensare che l'unità d'Italia , nonostante siano passati 149 anni, non c'è e forse non esisterà mai.
E comunque, se c'è , è fondata su una montagna di menzogne che non fanno onore a chi ha scritto le precedenti storie d'Italia.
Tutto uno slogan allora, non c'è stata liberazione col Risorgimento ma conquista. E sembra addirittura che alcune vittorie siano state comprate con soldo inglese. Possibile che Garibaldi abbia avuto solo culo con la sua spedizione dei Mille?
I malanni del Sud si sarebbero aggravati con il nuovo padrone piemontese (il condizionale in questo momento mi è d'obbligo perché l'argomento necessita di ricerche e approfondimenti) , la gente meridionale sarebbe stata maltrattata ed in modo volgare, le regioni del Sud non sarebbero state unite nell'unica Italia ma annesse e le conseguenze furono un massacro: 155.620 guerriglieri (briganti per i Savoia) caduti e 120.327 fucilati o morti in carcere.
Un vero massacro in 10 anni! L'altra cosa che colpisce e che ci fa pensare che l'Italia di oggi non è poi così diversa nei costumi è la seguente : " Per infangare l'immagine di Francesco II, cacciato dal suo Regno delle due Sicilie, i servizi segreti piemontesi misero in giro una serie di fotomontaggi della regina Maria Sofia, in atteggiamenti pornografici"; non c'era la televisione ma il conquistatore si arrangiava.
Sapevo di Bava Beccaris, sapevo bene dell'episodio di Bronte e avevo letto parecchio su Gerolamo Bixio che per l'as sassinio dei cinque di quel paese siciliano (tra cui il babba innocente del paese) non mi è stato mai simpatico, conoscevo bene le gesta dell'eroina rivoluzionaria (unica donna nella spedizione dei Mille) Rosalie Montmasson, moglie o quasi del futuro ministro forcaiolo Francesco Crispi, anni fa avevo cercato  nell'elenco dei Mille ( pubblicato sulla Gazzetta nel 1864 e riportato in una pubblicazione del 1993) tutti i nomi dei calabresi  che avevano partecipato (pochi, pare siano stati 13 , ma a confronto dei piemontesi, tanti) alla spedizione e , l'avevo fatto con entusiasmo di ricerca campanilistica , non certo per conoscere verità, ora tutto l'impianto mi dà un altro quadro e forse è meglio così perché mi consolo pensando  che i malanni dell'Italia di oggi sono figli di quella di ieri.
Certo è che di fronte alle gesta della gloriosa Roma Imperiale, diversi generali codardi del Risorgimento non esistono proprio a confronto e neanche è possibile un accostamento soprattutto c on i Che Guevara improvvisati che venivano smontati subito d! ai contadini calabresi.
Altra accomunante : allora come ora , la corruzione  caratterizzava figure di primo piano del Regno , a cominciare dal re "Galantuomo" che scopava parecchio  non con sua moglie ma con chiunque capitasse a tiro anche se mogli di amici.
Direte voi "cazzi suoi - anche se lo faceva in fienile e ubriaco fradicio, non che emettendo numerosi peti".
E invece no, dal momento che quelle fuitine costavano tantissimo al neo stato.
La lista civile, ovvero i beni economici  a sua disposizione raggiunse la cifra di 16 milioni, pari al 2% del bilancio complessivo dello stato.
Quindi niente a che fare con l'affresco che il pittore Pietro Aldi disegnò sulla parete del municipio di Siena ( qui anche Garibaldi viene idealizzato in modo diverso dalla realtà e forse non aveva torto lo scrittore francese Maxime du Camp che non gli riconobbe alcuna intelligenza politica - lo definì babbeo).
Ti fa incazzare anche lui.
S'è fatto fregare la sua Nizza, s'è fatto fregare un regno appena conquistato e per che cosa? La gente l'amava come ora e il sud non gradì , tra le tasse e le altre cose,  la leva obbligatoria che portava i giovanissimi contadini lontano a morire in Crimea.
Lo stesso Mazzini definì Garibaldi "una canna al vento".
La spedizione dei mille in realtà, forse, fu una farsa .
Non ci sarebbe stata la conquista del regno delle due Sicilie se non si fossero unite le convenienze degli inglesi e della mafia meridionale ( come vedete, dove c'è potere , è sempre presente) che finanziarono ed appoggiarono l'impresa.
I loro interessi non erano compatibili con la monarchia dei Borboni.
Tantissimi alti gradi dell'esercito borbonico  furono comprati a peso d'oro.
E pensare che quell'esercito del sud contava 100.
000 soldati e avrebbe potuto fare a pezzi i mille garibaldini.
Chiudo pensando alla Repubblica di Genova ed ai suoi martiri per opera del generale La Marmora,  la vera canaglia, incerta davanti al nemico vero e tremebonda al primo incrociare di baionette.
Vale anche per il Cialdini di Custoza, Pesano e  Bava Beccaris.

Partiti con il cuore gonfio d'emozione ma destinato a scoppiare al primo assalto :
Gaspare   Tibelli,       17 anni
Riccardo Luzzatto,    16 anni
Adolfo Biffi ,            14 anni
Peppino Marchetti,    11 anni 
era il più piccolo al seguito del padre che non sapeva dove lasciarlo, non si sa se morì in battaglia.

I Calabresi dei Mille :
Barone Stocco (comandante della III compagnia)
Francesco Sprovieri
Stanislao Lamensa
Raffaele  Piccoli
Antonio Santelmo
Cesare Braico
Vincenzo Cardrelli
Domenico Damis
Domenico Mauro
Raffaele Mauro
Nicolò Mignogna
Antonio Plutino
Luigi Miceli
------------


Per l'elenco completo dei Mille , clicca sul link http://cronologia.leonardo.it/storia/biografie/garibal7.htm



di Carmelo Anastasio .
 


















































































































































Gli articoli dei COLlaboratori
Archivio articoli
Gli speciali dei COLlaboratori
Archivio degli speciali
Fuori di Calabria
Sport in Calabria
 
© 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784