Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 19

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Speciale Col - Gli Articoli dei COLlaboratori
Chiostro di Cosenza di Angela Mendicino

Nel centro della città di Cosenza, alla confluenza dei due fiumi Crati e Busento, c’è il suggestivo monastero di San Domenico.

Il chiostro, considerato “limite militare invalicabile” e adibito a caserma “Fratelli Bandiera”, per diverso tempo è stato un territorio sconosciuto agli stessi cittadini. Un patrimonio storico adiacente alla chiesa di San Domenico, e che è stato recentemente restituito alla città, acquistato dal Comune per un investimento complessivo di cinque milioni e trecentomila euro, dietro la volontà espressa dal sindaco, Salvatore Perugini e dall’assessore Franco Ambrogio.

L’intero complesso è costituito dalla chiesa di San Domenico, la cui splendida cupola barocca rivestita di rame sovrasta il centro storico cosentino ed è visibile da diversi punti della città, dalla cappella di San Matteo e da quella del Rosario e dal Convento dei Padri Domenicani. La bibliografia testimonia che l’edificio è stato fondato nel 1448 da Antonio Sanseverino, principe di Bisignano con l’avallo di Papa Niccolò V. Così cinque mesi più tardi sono iniziati i lavori di costruzione, portati a termine con la prima celebrazione del Vespro, nel gennaio del 1469. C’è da dire che il monastero si trova in quella che è denominata piazza Tommaso Campanella e lo stesso filosofo calabrese, nato a Stilo nel 1568, autore de “La città del Sole”, è stato ospite nell’antico Convento domenicano. All’interno dell’edificio accessibile gratuitamente a turisti, curiosi e chiunque desideri fare un viaggio fra la memoria storica di una città, sono tuttora visibili le tracce dei danneggiamenti avvenuti nel corso del Secondo conflitto mondiale.

L’antico chiostro con al suo centro un pozzo, patrimonio storico e culturale di Cosenza, dopo un anno di lavori è tornato al suo antico splendore. L’intera zona circostante l’ex convento domenicano, fino a quindici anni fa, purtroppo era abbandonata all’incuria e versava in uno stato di degrado. Adesso, invece, passeggiare davanti la piazza del Convento e entrare all’interno del chiostro è una gioia per tutti gli avventori.

Il cinque agosto scorso, infatti, l’edificio, curato dall’architetto cosentino, Eugenio Anselmo, con il contributo dell’Accademia San Martino, è stato inaugurato durante una conferenza stampa e adibito a luogo, come dire, di rappresentanza. Un luogo della memoria domenicana carico di simbolismi che nel solo mese di agosto ha registrato la presenza di oltre mille visitatori. Turisti casuali, cittadini incuriositi, in tanti, insomma, sono stati rapiti dalla magia di un luogo antico restituito al presente di ognuno. Il chiostro è tuttora aperto e visitabile gratuitamente, dalle 9,30 alle 12,30 e nel pomeriggio dalle 17,30 fino alle 19,30.

L’amministrazione comunale cosentina, inoltre adibisce l’ex convento a luogo di cultura fruibile alla cittadinanza. Nei giorni scorsi ad esempio è stata realizzata la rassegna “Intrecci”, una commistione fra musica e letteratura con una forte componente legata all’identità e alle origini calabresi. Mentre, e tuttora in allestimento la mostra, “Vuoti a memoria”.

 



















































































































































Gli articoli dei COLlaboratori
Archivio articoli
Gli speciali dei COLlaboratori
Archivio degli speciali
Fuori di Calabria
Sport in Calabria
 
© 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784