Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 246

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Speciale Col - Gli Articoli dei COLlaboratori

L’asino e il leone

La situazione politica italiana potrebbe nei prossimi giorni cambiare e forse segnare il declino di quella maggior figura che la domina ormai dal 1994. Le lotte di potere che intrecciate in pranzi e cene nelle ultime settimane, rimandano a una poesia di Domenico Tempio che con la sua satira dialettale aspra e pungente , si avvicina alla descrizione degli equilibri parlamentari attuali e degli eventuali rovesciamenti che potrebbero ( ma non succederà) far cadere il governo con conseguente ritorno alle urne . Le dimissioni di Luca Cordero di Montezemolo e la sua visita al Quirinale la raccontano lunga e lasciano immaginare scenari auspicati da una parte degli italiani.

Si tratta della poesia dell’asino e del leone (titolo già caro a Fedro). E’ un testo in dialetto siciliano che parla di un patto fra un asino e un leone che insieme devono percorrere un tratto di strada con “propri mezzi” e profilandosi una gran fatica, decidono di risparmiarsi procedendo così : il primo pezzo lo fa il leone in groppa all’asino, il secondo al contrario. Il primo tratto di strada è però tutto in salita per cui il leone, per non cadere all’indietro, comincia ad affondare gli artigli nella pelle dell’asino. Non può che lamentarsi l’asino maledicendo il momento in cui ha accettato il patto, perde sangue e il dolore diventa più acuto ad ogni passo, ma non può farci nulla, bisogna rispettare l’accordo . D’altra parte il leone non può fare diversamente , non è colpa sua , non ha altri mezzi. Arriva finalmente il secondo tratto di strada che è tutto in discesa e sul leone monta l’asino che rischia di rompersi l’osso del collo scivolando in avanti. Gli artigli non li ha per frenare la caduta, gli zoccoli non hanno presa, l’unica risorsa a sua disposizione è… sbrogliare il quinto piede che poi per noi uomini è la terza gamba e con unico colpo sicuro infilarlo nel buco giusto, ancorandosi cosi in modo saldo e senza ascoltare i versi del leone leader di libertà, che insieme al dolore manifestano la sua passata grammatica pelosa.

Sa…tirando : forse per il premier , ora come ora, la situazione è come quella del leone in discesa dopo aver fatto per tanti anni il leone in salita. Tranquilli, non succederà un bel nulla!

Micio Tempio direbbe ancora :

« fora di mia li truci oggetti e l’iri / amu la Paci e cantu lu Piaciri »




di Carmelo Anastasio


















































































































































Gli articoli dei COLlaboratori
Archivio articoli
Gli speciali dei COLlaboratori
Archivio degli speciali
Fuori di Calabria
Sport in Calabria
 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>