Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Incoming|Da Visitare|Escursioni|Itinerari|Archeologia|I Paesaggi|Trasporti|Virtual Tour|
 Utenti online: 108

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COl Tour | Archeologia

Tortora
Il sito archeologico di Blanda
Pagina 1 di 4
1 | 2 | 3 | 4

Tra le tante risorse del Tirreno Cosentino, un posto di rilievo è occupato pure dall’archeologia; che vanta siti che rimontano dall’era paleolitica fino al tardo impero della civiltà romana.
Ed uno dei siti più importanti della nostra riviera è costituito dai resti dell’antica città italica di Blanda, scoperti di recente sul colle del Palècastro, prossimo alla contrada Poiarelli del Comune di Tortora.
Di questi resti di città faceva già menzione un erudito del ‘500, come il Barrio, che citava sul Palècastro “le vestigia di un’antica cittadella”; fino a giungere a studiosi più recenti, quale Oreste Dito, che nel 1934 segnalava come i ruderi del Palècastro fossero riconducibili senza meno alla scomparsa città di Blanda.
Ma, dopo qualche rinvenimento sporadico occorso negli anni ‘70, bisognò giungere fino al 1990 perché una campagna di scavi, ordinata dalla Soprintendenza ai Monumenti, potesse dare adito alla scoperta sistematica dell’intero sito, che offre ancora oggi nuovi rinvenimenti.

 

 

Sul pianoro del Palècastro, che presenta un’estensione di circa 5 ettari, s’è scoperto, dunque, come esso abbia avuto una frequentazione originaria di popoli enotri, risalente circa al VI secolo a.C.; i quali furono i fondatori dell’antica cittadella, dato che “palècastro” in greco arcaico vuol dire appunto “città vecchia”.
Ad essi subentrarono, quindi, popoli lucani; i quali, nel IV secolo a.C., dominavano un territorio esteso dalla Lucania fino alle foci del Lao.
Furono loro che cinsero di mura la città, per un perimetro lungo circa un chilometro; a segno dell’importanza strategica che Blanda aveva acquisito in questa fase.
E, per essersi i Lucani schierati con Annibale, durante la Seconda Guerra Punica, la città fortificata di Blanda fu espugnata dai Romani nel 214 a.C., come tramanda Tito Livio.

 
Pagina 1 di 4
1 | 2 | 3 | 4



Preistoria
Magna Grecia
Arte Romana
Arte Bizantina
 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>