Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Incoming|Da Visitare|Escursioni|Itinerari|Archeologia|I Paesaggi|Trasporti|Virtual Tour|
 Utenti online: 57

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COl Tour | Archeologia

Kroton
Crotone
Crotone, antica Kroton. Capo colonna, Santuario di Hera Lacinia
Sono scarsissimi i resti della antica città Kroton, la cui estensione e ricchezza monumentale sono testimoniate principalmente da documenti letterari ; nell'Antiquarium sono custoditi reperti archeologici provenienti dalla zona circostante e soprattutto dal santuario di Hera Lacinia a Capo Colonna dove, sull'orlo della scogliera si erge una bella colonna dorica, unica superstite del famoso tempio che in antico era celebre per le sue pitture ( opera di Zeusi ), per le statue e le colonne votive in oro massiccio.
Crotone fu fondato intorno al 710 a.C. da alcuni coloni provenienti da varie regioni della Grecia, per lo più achei. Ben presto minacciata a Nord dalla potente Sibari, a Sud dai bellicosi bruzi e da Locri, la città subì per un certo periodo di tempo, nel corso del sec. VII, il predominio di Sibari e per questo chiese aiuto a Sparta. L'amicizia di Sparta consentì a Crotone di estendere il suo territorio a Nord ed a Sud. Aderì con Metaponto, alla lega achea costituita da Sibari ai danni della città di Siris. Che fu distrutta nel 550 a.C. ; ma nel conflitto che ebbe con Locri, Crotone venne sconfitta ( 548 a.C. ). La città si riprese presto, certamente anche per l'apporto della scuola di Pitagora che visse a lungo a Crotone (530-510 a.C. ca. ) e le cui idee furono abilmente sfruttate dal partito oligarchico che guidava la città. Rinvigorita politicamente e militarmente, Crotone riuscì ad annientare Sibari ( 510 a.C. ) ed a sostituirsi quindi ad essa come città egemone della Magna Grecia. Presto, tuttavia la città decadde a causa delle aspre lotte interne. Più tardi ( seconda metà del sec. V a.C. ), di fronte alla crescente potenza di Turi, Crotone, Caulonia e la nuova Sibari ( Sibari sul Traente ) si strinsero in una lega achea-italiota, che riunì ben presto quasi tutte le altre colonie della Magna Grecia minacciate da lucani e bruzi. Crotone non recuperò tuttavia la sua antica potenza, e subì poi un grave rovescio nel corso degli scontri tra lega italiota e Dionigi tiranno di Siracusa ( 390-378 a.C. ) ; minacciata sempre più da presso da lucani e Bruzi, ottenne contro di essi l'appoggio dei romani, i quali però finirono con l'impadronirsi della città ( 277 a.C. ), deducendovi in seguito una colonia ( 194 a.C. ). In epoca medioevale Crotone ebbe una sua importanza strategica con i bizantini e con i normanni.



Preistoria
Magna Grecia
Arte Romana
Arte Bizantina
 
La Regione

Hipponion

Kaulon

Kroton

Locri

Sibarys

Rhegion

Krimisa

© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>