Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 42

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Cittą dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Tradizione e Folclore


'U Misi e Natali, nella tradizione popolare del cosentino
1 | 2 | 3
Ninne nanne natalizie
Un tempo, le madri, per addormentare i loro piccoli, cantavano dolcissime e bellissime ninne-nanne, ricche di poesia:

…Cą mamma tua ti vo' beni de cori, cą chilli de li genti su' paroli... (1)

Bellissimi versi carichi di tanta veritą! Ma, non sempre si filosofeggiava; o si invocava l'arrivo di re Morfeo su d'un cavallo bianco per prendere il piccolo e portarlo nel suo palazzo; o lo si vedeva in giardini ammantati di fiori, dove il bimbo, stranamente, si trasformava in re ed il re Sonno in suo suddito; o si diceva degli "occhiuzzi scippacori", ecc.. In occasione del Natale, infatti, le madri cantavano quanto appreso per tradizione ed in ordine alla festivitą. Il piccolo doveva prender sonno, perché lei, la madre, doveva preparargli i vestiti per farglieli indossare in occasione del Natale:

Dłormi, dłormi, ninnu mia,
cą mamma tua č de lavurą:
t'č defar"i vestitłra
ppe' ti mģntar'a Nata'.
Dłormi, dłormi, ninnu mia,
dłormi, dłormi, ninna-na' (2)

A Luzzi la ninna č un'invocazione al Bambino a prender sonno, facendogli rilevare che Maria deve lavorare per preparargli indumenti e calzature:

Dłormi, dłormi, Bomminģellu,
cą Maria č de fatiga':
t'č defar"a cammisčlla,
gioja mia, ppe' ti mutą.

Dłormi, dłormi, Bomminģellu,
cą Maria č de fatigą:
t'č de far' 'u jupparģellu,
ppe' t"u mģntari a Nata'.

Dłormi, dłormi, Bomminģellu,
cą Maria č de fatiga':
t'č de far''i quazettģelli,
beni mia, ppe' di quaza' (3).
1 | 2 | 3



Tradizioni Religiose
Parole Perse
Chiese e Santuari
Diocesi Calabresi
Feste e Sagre
Ricette
Proverbi
U Misi e Natali nella tradizione popolare cosentina
Riti della Settimana Santa
Giochi di una volta
Antichi Mestieri
Etnie di Calabria
Credenze popolari
Tradizione della maialatura
Speciale di Natale
Strina di Natale

News
Calabria

     
    U misi e Natali
    nel Cosentino


    Introduzione
    Il messaggero di Sant'Andrea
    La trasmissione dei poteri magici
    6 dicembre - San Nicola
    8 dicembre - 'A 'Mmaculata
    13 dicembre - Santa Lucia
    Le fritture
    Il pane di Natale
    Il presepe
    Gli zampognari
    Ninne nanne natalizie
    Preghiere e giaculatorie
    Giochi
    In attesa
    24 Dicembre - La Vigilia
    Jiri ppč l'amor'u Bomminu
    Il cenone
    Ancora magia
    A strina
    Natale e pubblicitą
    La mattina di Natale
    31 dicembre-San Silvestro

    Appendice

    La notte di Natale
    Vincenzo Padula


    Cantata per il Natale 1834
    Abate Giovanni Conia


    © 1997-2017 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784