Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 80

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | La Regione


La Regione
Storia dell'Arte, Novecento
Gisella, Umerto Boccioni, Collezione ex Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania
Gisella, Umberto Boccioni
Il processo di assimilazione della cultura calabrese, nel contesto più ampio di quella nazionale, iniziato dopo l'unificazione della penisola, si accentua nel '900. Sebbene in tale epoca la Calabria sia flagellata oltre che dai due conflitti mondiali, da un ennesimo terremoto, da crisi economiche, da lotte e rivolte contadine, continua a dare non pochi uomini alla scienza, all'arte e alla letteratura.
Grande fortuna ebbe in Calabria la poesia pascoliana sia in lingua italiana che in lingua latina. Questo perché quei sentimenti d'amore per la famiglia, la casa ed il proprio paese o di malinconia per l'infanzia trascorsa o di tristezza per le persone care scomparse, componenti essenziali dell'arte pascoliana, dovevano trovare terreno fertile negli scrittori calabresi.
Contrario alla cultura del '900 e al novecentismo, valido paladino della classicità fu invece Vincenzo Gerace. Parallelamente alla influenza pascoliana si hanno quella D'Annunziana, futurista ed ermetica per mezzo delle quali la letteratura calabrese viene depurata da ciò che é provinciale e regionale per poi confluire e dissolversi nella letteratura nazionale. Al contrario degli altri generi letterari, la narrativa conserva caratteri peculiari che la distinguono tanto da poter parlare di una vera e propria <<lima calabrese>>.
Tipico rappresentante di essa é Corrado Alvaro (S. Luca 1895 - Roma 1956). La sua opera é contrassegnata da due tendenze: una realistica di carattere regionale ed un'altra fantastica di carattere moderno.
L'Alvaro famoso come narratore, scrisse pure poesie e nella raccolta intitolata <<Poesie grigioverdi>> le due tendenze si uniscono con Prevalenza dell'elemento paesano e realistico. Su uno sfondo magico sospeso tra reale ed irreale si muovono i Protagonisti dei suoi romanzi, creature primitive, che lottano selvaggiamente contro le forze avverse della natura e del destino o, delusi, l'accettano supinamente.
Narratore più irrequieto e volto a temi sensuali é Leonida Repaci di Palmi (definito dal Russo l'ultimo romantico calabrese passato attraverso il Dannunzianesimo).
Corrado Alvaro
Corrado Alvaro

Riprende nei suoi racconti i temi calabresi di <<eticità, socialità e umano calore>>, temi d'amore e morte, di contrasto fra l'uomo e la società ed infine il problema meridionale e le sue conseguenze in Calabria.
Con Fortunato Seminara (Maropati, 1903) ritorna il senso ineluttabile della vita contro cui nulla possono gli uomini. I suoi romanzi, popolati da una folta schiera di diseredati, segnano la strada del neorealismo italiano. Dal gruppo neorealista fa parte Saverio Strati (S. Agata del Bianco, 1924) che parla dei poveri calabresi e del loro desiderio di evadere e di emigrare.
Francesco Cilea
Francesco Cilea
Anche la poesia dialettale ha accenti nuovi ed é contraddistinta da un contenuto sociale faceto e lirico Ricordiamo Antonio Chiappetta, autore di <<Jugale>>, Michele De Marco, detto Ciardullo di Perito ed il figlio Ciccio autore di <<Mio caro patre>>, Vittorio Butera di Conflenti che é uno dei più famosi poeti dialettali che nella sua opera parla della giovinezza trascorsa attraverso visioni fiabesche.
Nel '900 grandi risultati si ottengono pure nella musica per merito di Francesco Cilea di Palmi (Palmi 1866 - Varazze 1950), esponente della <<scuola verista>>, autore di pagine musicali struggenti e di melanconica dolcezza di Alfonso Rendano di Carolei (1853-1931).
Nella scultura si resta ancorati al classico con artisti come Giuseppe Rito di Dinami, Michele Guerrisi di Cittanova; la pittura accoglie del nuovo dalle varie correnti novecentesche. Il futurismo trova un validissimo rappresentante in Umberto Boccioni, (Reggio Calabria 1882 - Verona 1916), uno degli artisti italiani di più alto rilievo nella pittura del XX secolo.
Dott. Antonio Agrillo e Dott. Giuseppe Palopoli
Alfonso Rendano
Alfonso Rendano


I testi sono estratti dal "Il profilo della Calabria" - Unione Regionale delle Camere di Commercio-Industria Artigianato e Agricoltura della Calabria - Centro studi e ricerche. Collaborazione del Dott. Aldo Ragusa,Dott. Antonino Agrillo, Dott. Domenico Pecoraro, Dott. Francesco Cava, Dott. Giuseppe Palopoli, Dott. Gregorio Gigliotti, Dott. Raffaele De Franco Paladini.



La Regione
Cosenza
Catanzaro
Crotone
Vibo Valentia
Reggio Calabria
I Comuni
Comunità Montane

News
Calabria

 
Storia dell'Arte Calabra

Preistoria

Ellenismo

Dominazione Romana

Alto Medioevo e dominazione bizantina

Dominazione normanna

Dominazione sveva

Dominazione aragonese

Il Cinquecento

Il Seicento

L'Illuminismo

L'Ottocento

Il Novecento
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>