Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 28

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Poesie Calabresi - Achille Curcio
Achille Curcio

NT'O CORA TI RESTARU... (ad Enotrio Pugliese)

Io chi restavi cca stancu e malatu

passavi avanti 'a casa a lu paisa

duva criscisti, e duva 'a cotraranza

s'addormentau a nu vancu

cu nu sonu mbrahatu 'e ciarameddha.

Era chiusu 'u portuna e ogni finestra.

C'era l'erva crisciuta a lu scaluna

e nte l'ortu 'a prunara gia' hjuruta.

Nt'a chiazza abbandunata,

quandu la notta affuca vuci e luci,

mo nescianu nt'o scuru de' vineddhi

i genti, ncatturati cu i pinneddhi,

chi ti portasti fora

m'attizzi 'u focu all'anima nchiatrata.

Nt'o cora ti restaru 'e stu paisa

i praji chini 'e sula,

i varchi abbandunati

senza nu marinaru

stendutu all'umbra 'u dorma.

Ti restaru de' casi i ciaramidi

chi fannu de timpagnu a la miseria

e non fannu nescira li suspiri.

Nt'o cerveddhu mpingiuta

na staziona assulata:

l'urtimu trenu, chinu comu n'ovu,

ficia assu cogghia tuttu e poi frischiau.

Ti portasti ogni cosa e dintra l'occhi

ncorniciasti 'u ritrattu de sta terra,

comu nu ricordinu chi si minta

cu na lampa addhumata

supra 'u cumo' mu t'arricorda i morti.

Si arresci 'u pitti ancora

i sonni de sta genta chi suspira,

pitta l'urtimu sonnu 'e nu poeta

e 'u pinneddhu accarizza stu paisa

chi ti restau nte l'anima nchiovata.
   
 




Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784