Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 106

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Patrioti


Poerio Giuseppe
Poerio Giuseppe nasce a Belcastro (CZ) nel 1775. Patriota. Nel 1795 si trasferisce a Napoli per esercitare l’avvocatura: qui, però, viene avviato alla conoscenza della filosofia illuministica e dell’umanitarismo settecentesco e aderisce alle dottrine dei novatori giacobini. Nel 1799 viene inviato, come commissario, nel dipartimento «della Sagra» (Calabria) con il difficile compito di pacificare le popolazioni.Battutosi al Ponte della Maddalena e a Castel dell’Ovo, dopo la resa della città viene condannato alla relegazione perpetua a Favignana. Libero, nel 1801, abbandona la mentalità rivoluzionaria, e diventa un moderato: segue, così, la carriera pubblica, prima con Giuseppe Bonaparte e poi con Gioacchino Murat. Nel 1808 è intendente di capitanata e del contado di Molise e segretario generale della gran corte di cassazione; nel 1809 è regio commissario per le Calabrie;nel 1812 è nominato consigliere di Stato. Nel 1820-21 è Deputato al parlamento napoletano e promotore dell’atto di protesta contro la chiamata degli Austriaci. Per tale azione, viene confinato a Graz. Liberato nel 1823, si trasferisce a Firenze; espulso dalla città nel 1830, viene contattato all’esilio in Francia e in Inghilterra. Solo nel 1833 può ritornare a Napoli: qui riprende a esercitare magistralmente l’avvocatura. Muore a Napoli nel 1843.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>