Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 110

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Musicisti


Alfonso Rendano

Alfonso Rendano
Alfonso Rendano


Nasce a Carolei il 5 Aprile 1853. Talento precocissimo, quasi autodidatta, a dieci anni sostiene l'esame di ammissione al Conservatorio S.Pietro a Majella di Napoli destando l'interesse nel M° Francesco Saverio Mercadante e del grande Thalberg, che lo prende sotto la sua guida e lo manda a Parigi e raccomandandolo a Rossini.

Questi, a sua volta, lo segnala quale "piccolo genio destinato ad onorare l'Arte e la mia cara Patria" affinché ottenesse una borsa di studio.

A soli 13 anni, grazie ad una borsa di studio segue le lezioni di G. Mathias, allievo prediletto di Chopin e farsi ammirare dall'esigente critica parigina. Seguono circa quindici anni di intensa vita musicale, anche come compositore, durante i quali ha occasione di conoscere, ricevendone ammirazione ed amicizia, le più grandi personalità dell'epoca da Bulow a Rubintain e da Auber a List.

Più tardi si dedica alla didattica, prima a Napoli dove insegna al Conservatorio e crea un "Istituto Musicale", successivamente a Roma, dove si trasferisce al principio del secolo, dopo il successo torinese e tedesco della sua opera "Consuelo", formando quindi una eletta schiera di concertisti , tra i quali il M° Rodolfo Caporali, tutt'ora vivente.

Intanto viene messa a punto una sua invenzione, il "Pedale indipendente", valido ausilio alle risorse coloristiche ed interpretative del pianoforte.

L'opera compositiva di Rendano comprende circa settanta brani per solo pianoforte, il "Concerto " per pianoforte e orchestra, il "Quintetto" per pianoforte ed archi, un "Allegro in la min." per due pianoforti, l'opera "Consuelo" , oltre ad alcune composizioni d'insieme, tra cui la "Marcia funebre in morte di un pettirosso" per piccola orchestra.

Al Teatro Valle di Roma, dove aveva debuttato dodicenne, il Maestro suona per l'ultima volta nel 1925.

Il 10 Settembre 1931 muore nella sua casa romana e, a suo nome è stato intitolato il Teatro Comunale della città di Cosenza.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>