Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 78

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Vincenzo Ammirà

Vincenzo Ammirà (Vibo Valentia 1821-1898).
Nasce a Monteleone di Calabria, l'attuale Vibo Valentia, da Domenico e da Maria Lo Judice, nel rione Carmine (attuale via Ammirà).
Fu tra i più attivi animatori del Comitato rivoluzionario monteleonese e proprio in questo periodo compose diverse liriche patriottiche e si adoperò in diverse attività per diffondere le idee liberali. A causa delle sue idee la polizia borbonica lo sottopose a processo e, dopo aver trovato nel corso di una perquisizione in casa sua una copia manoscritta de La Ceceide e del Decamerone, lo accusò di «detenzione e scritto di canzone contrari al buon costume e di detenzione di libro che offende il buon costume».
Il 28 aprile 1854 il tribunale gli commutò una condanna a due mesi di esilio correzionale e una multa di venti ducati.
La persecuzione politica nei confronti del poeta si intensificò dopo la condanna, fino a quando nel 1858 fu arrestato e condotto in carcere.
Dopo l'arrivo di Garibaldi a Monteleone, il 27 agosto 1860, Ammirà si unì al generale e lo seguì a Soveria Mannelli
Non riuscì mai a ottenere una cattedra al liceo della sua città, cosicché deluso, e in ristrettezze economiche, continuò a dare lezioni private. Solo tra il 1866 e il 1868 fu impiegato nel locale ufficio del Dazio.
Morì, dimenticato da tutti, il 3 febbraio 1898.
Scrisse nella lingua dialettale e con ineguagliabile stile poetico, luoghi, personaggi, sentimenti, avvenimenti e passioni tipici di una identità socio-culturale che era proprio della Vibo ottocentesca.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>