Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 58

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Tommaso Campanella
pagina 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

I1 lamento profetico, tutto intriso di echi biblici e danteschi, si addolcisce poi, con rapido stacco, nella dolente confessione autobiografica, nel soliloquio sconsolato del reietto oppresso da una sventura senza speranza:

Dagli amici disgiunto
sono, e opprobrio al mio sangue,
di scorni e d'error punto,
che fintar non mi vuole,
ne' potrebbe, volendo,
me abbominato qual pestifero angue;
e 'l tradimento orrendo
lor fai apparir sole
verso cotanta mole
di paure e di affanni,
perch'io, mendico, sol, qui pianga gli anni.
..... Liberta', Signor, bramo,
e tu pur non m'ascolti,
ma volgi gli occhi altrove.
Povero io nacqui, e di miserie vengo
nutrito in mille prove;
poscia, tra i saggi e stolti
alzato, mi trasvolti
con terribil prestezza
nella piu' spaventevole bassezza.
... Ne' che m'aiuti alcun permetter vuoi.
La gente del mio seme
m'allontanasti, e preme
duro carcer gli amici;
altri raminghi vanno ed infelici.

Poco piu' tardi, nella terza Salmodia metafisicale, il poeta ripercorre per intero il corso della sua vita di perseguitato, quella sequela di sofferenze senza tregua che lo tormenta fin dal tempo delle sue prime disavventure, che egli chiama " il duro scempio del mio lungo inferno ", e dalla sconsolata visione esala un soliloquio, lento dapprima, poi via via concitato, incalzante, che trasforma lo elenco dei patimenti in un impeto cieco in cui si mescolano l'orrore di quel vivere disumano e la denuncia di un'ingiustizia suprema:

... Sei e sei anni, che 'n pena dispenso
l'afflizion d'ogni senso,
le membra sette volte tormentate,
le bestemmie e le favole de' sciocchi,
il sol negato agli occhi,
i nervi stratti, l'ossa scontinoate,
le polpe lacerate,
i guai dove mi corco,
li ferri, il sangue sparso, e 'l timor crudo,
e 'l cibo poco e sporco.
pagina 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>