Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 117

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Tommaso Campanella
pagina 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

Inascoltato, trova in se' l'energia sovrumana per rinverdire perennemente le speranze sempre deluse. A monsignor Querengo, nel luglio 1607, scrive: " La riprego che segua a favorirmi, ch'esca presto da questo antro prima che moia: che gia' il petto e la testa son tanto offesi, che poco posso sperar salute, sendo stato qualifo anni sotterra, con ferri sempre, sopra un fracido e bagnato stramazzo, e con pane e acqua di tribulazione, senza veder mai cielo, ne' luce, ne' persona umana, in luoco sempre bagnato, che stilla d'ogni muro acqua continuamente, talche' continua notte e inverno io sento ". Ma solo la tensione del discorso poetico, la effusione lirica, rendono intera la temperie di quel soliloquio teso, di quella lucida angoscia: fra la disperazione tentatrice, gli slanci della fede, l'orgoglio invitto, la prodigiosa energia biologica impegnata in una sopravvivenza che ha del sovrumano. Si ascoltino, fra le tante sequenze irte e quasi arrochite dalla sofferenza, alcune strofe della Lamentevole orazione profetale, che e' probabilmente del 1604:

A te tocca, O Signore,
se invan non m'hai creato,
d'esser mio salvatore.
Per questo notte e giorno
a te lagrimo e grido.
Quando ti parra' ben ch'io sia ascoltato?
Piu' parlar non mi fido,
che' i ferri, ch'ho d'intorno,
ridonsi e fanmi scorno
del mio invano pregare
degli occhi secchi e del rauco esclamare.
Questa dolente vita,
peggior di mille morti,
tant'anni e' seppellita,
che al numero io mi trovo
delle perdute genti,
qual, senza aiuto, uom libero, tra morti,
di morte e non di stenti;
a' quali il mio composto
sol vive sottoposto,
nel centro ad ogni pondo
di tutte le rovine, ahime', del mondo.
Gli uccisi in sepoltura,
dati date in oblio,
de' quai non hai piu' cura,
de' sotterranei laghi
nell'infimo rinchiuso,
di morte fra le tenebre sembro io.
Qui un mar di guai confuso,
pien di mostri e di draghi,
sopra di me si aduna
e il tuo furor, spirando aspra fortuna.
pagina 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>