Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 112

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Sertorio Quattromani
pagina 1 | 2 | 3 | 4

L'associazionismo culturale, per concludere, accanto alle vicende fluttuanti dell'Accademia cosentina, vedrà fiorire nel corso dei secoli numerose altre iniziative. Dalla settecentesca Accademia dei pescatori cratilidi volta alle innovative idee illuministiche il fenomeno si perpetuerà nel secolo seguente ed esploderà nel Novecento, che vedrà ai suoi albori il riuscito tentativo di democratizzazione culturale del Circolo di cultura di Pasquale Rossi. Nell'Italia repubblicana germoglieranno numerosissime associazioni: dal circolo Città di Cosenza (animato tra gli altri dal poeta Michele De Marco - Ciardullo) ai diversi cineforum (si pensi a quelli del S. Nicola) alla ultra decennale e molteplice attività di Mondo nuovo sino ai giorni nostri. Anche sul piano dell'associazionismo artistico con la seconda metà del Novecento s'innerverà una linfa innovativa e plurale; tendenza, al pari della stampa e dell'editoria, che continua a dare risultati positivi. Basti pensare alla produzione teatrale nella quale avranno asilo forme come il teatro militante (il Gruppottanta) ed il teatro di ricerca, nel quale si può ricordare il Centro R. A. T., che impianterà esperienze come quella della tenda di Giangurgolo e, poi, del teatro Acquario e che porterà in città il Leaving Theatre dimostrando ulteriormente l'attenzione delle élites colte verso le produzioni più avanzate circolanti. È molto difficile trovare dei caratteri comuni e identificanti che possano consentire di individuare una o più culture o mentalità prettamente cosentine. Certo, una tendenza al radicalismo, all'autonomia e alla pluralità (nel pensiero come nella politica), al laicismo, nonché un atteggiamento d'apertura, d'attenzione verso le correnti di circolazione delle idee europee sono elementi che si possono scorgere, con uno sguardo di lungo periodo, quanto meno nelle classi colte. Attraverso un'indagine sulla produzione culturale osserviamo, sì, momenti topici e all'avanguardia nel panorama del pensiero europeo (Telesio e Antonio Serra); soprattutto, però, ci sovvengono molteplici esempi di intellettuali attenti alle idee delle più varie provenienze e pronti ad avvicinarvisi e a diffonderle (ma anche a criticarle). A Tommaso Cornelio è attribuito il merito d'aver introdotto nel Mezzogiorno le opere di autori come Cartesio, Hobbes e Gassendi; e tanto come esempio di permeabilità e attenzione dovrebbe esser sufficiente. Ma è anche nella capacità di mescolare idee diverse che si manifesta questa curiosità verso le produzioni di matrice esterna. Lo stesso Cornelio volle ispirarsi ecletticamente sia a Cartesio sia a Galilei, e Francesco Saverio Salfi, come evidenziato da Franco Venturi, fu tra quegli italiani che "tanta importanza ebbero come ponte e tramite tra il nostro Settecento e l'età del liberalismo"; si potrebbe continuare con Bernardino Alimena: la Terza scuola di diritto penale da lui fondata, infatti, si proponeva come soluzione di mediazione tra la scuola classica e quella positivistica.

Evidentemente, la capacità di ricezione va connessa alla storia politica: Cosenza, con il meridione, sarà soggetta per circa due millenni a dominazioni straniere di diversa provenienza (romani, goti, bizantini, longobardi, arabi, normanni, svevi, angioini, aragonesi, spagnoli, austriaci, fino ai Borbone). Pur con lo sviluppo dell'orgoglio municipale suddetto, non è dubbio che ogni dominazione sia riuscita (quale più quale meno) a influenzare le popolazioni sottomesse da un punto di vista culturale e delle mentalità.

Ma allora proprio in questo forse va cercato il segno distintivo che stiamo cercando (e che abbiamo visto potrebbe essere presente anche nei Brettii): nell'apertura a nuove idee, in una propensione (seppure indotta anche da imposizioni) al multiculturalismo. Attitudini mentali che non vanno interpretate come supina accettazione d'elaborazioni altrui per propria incapacità creativa, ma, al contrario, come capacità di captare le correnti di circolazione delle idee, di saperle assimilare e, all'uopo, di saperle rielaborare
pagina 1 | 2 | 3 | 4



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>