Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 76

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Vincenzo Mesiani

Umanista e famoso medico, il Mesiani è considerato un ottimo filosofo e poeta. Autore di molte poesie in lingua e in grecanico, delle sue opere rimane ben poco. Si conserva una versione inedita, in lingua, degli "improperii", cantato in chiesa nella messa del venerdì santo, durante l’adorazione della Croce. Delle poesie del Mesiani, recuperate, due hanno la forma metrica dell'ottava in endecasillabi, due sono sonetti e l'ultimo componimento è di sei versi. Le poesie venivano – di volta in volta – mandate in stampa a Vito Capialbi, che ne pubblicava i contenuti in una rivista oggi introvabile. Di seguito si riportano alcuni versi:

PÌSTEMMA, ELPÌDA CE CHARÀ

Dòmmu, Christèmu, na pistèpso viàta
ta lòja ta dikàssu vloghimèna:
"Pìstepse to Thiò, pìstepse emmèna,
en porpatì sto scotìdi, stin nigghiàta".

Afùdamu mi pèo mèsa sti stràta
pu ta kalà tu cosmu lipimèna
chirìzzusi te cardìe; afùdamu appèna
na mi pasi ta pòdia stin vuddhàta.

En'àddho pràma, Christèmu, Su zitào,
to càglio prama ti psichì ghirègghi:
ligo 'zze cìndo lucìsi manachò

ti èfere ston cosmo: olu gapào
jassèna me cìno: den mu mportègghi
aps'àddho, ferro charapimèno to stavrò

FEDE SPERANZA E CARITA'

Dammi la fede, Signore, ch'io possa credere
alle tue parole benedette:
"Credi in Dio e credi in me,
non camminerai al buio, né nella nebbia".

Aiutami perché non cada in mezzo al cammino,
dove i poveri beni del mondo
travolgono i cuori; aiutami pure
perché non infanghi i piedi nel pantano.

Un'altra cosa, o mio Gesù, ti chiedo,
la cosa più cara cui l'anima sospira:
una scintilla soltanto di quel fuoco

che tu portasti nel mondo: tutti amerò
con esso per amor tuo e non mi importa
di altro, porterò senza gemere la croce.

THÈLO NA'MMESTA ISMÌA

To gìgghiu àpse pedì ti echi anagalìa
iò tu Theù ene ce leddhèma
irte jà ' gapi ce jà sinodìa.

Mana, scotàpsi ce tegliònni i zoì.
Addhi accherònni; còpsemu to demma
thelo na'mmesta ismìa ode c'ecì.

VOGLIO CHE STIAMO INSIEME

Quel giglio di bambino che tieni in braccio
è Figlio di Dio e nostro fratello;
venne per amore e per compagnia.

Mamma, fa notte e la vita finisce.
Un'altra comincia ; rompi i legami;
voglio essere insieme a te qui e di là.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>