Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 66

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati

Larizza Pietro

Larizza Pietro nasce a Bova, (RC), nel 1866. Fissata la sua residenza a Reggio Calabria, nel 1905 dà alle stampe il suo primo lavoro "Rhegium Chalcidense" nel quale argomenta, con rigore scientifico, l’origine della città dello stretto. Di notevole spessore documentario è l’opera "La Magna Grecia". Sue sono anche le opere: "Locri Epizephirii" e "Crotone nella Magna Grecia". Successivamente, Larizza pubblica altre due opere legate all’unità d’Italia e al Risorgimento: "Gli ultimi due anni del reame delle due Sicilie" e "Storia del Risorgimento". Nei suoi scritti e nella sua vita è sempre vivo e visibile il nobile tentativo di salvare un mondo che altri condannano all’isolamento. Egli asserisce che la pronunzia della parlata greca bovese è prettamente reucliniana, e trova prova del neollenismo di essa nella canzonetta del turco (I Romeopulla). In Larizza storia ed umanesimo trovano la loro espressione unitaria: è, inoltre, innegabile che le sue opere siano fortemente pregnate di rigore scientifico. Sostenendo che "il greco di Bova, non fu importato prima del 1453 da greci fuggenti la signoria ottomana dopo la presa di Costantinopoli" - e che quindi le voci di greco arcaico e classico che sopravvivono nel nostro linguaggio possono essersi conservate in Grecia - Larizza si schiera contro l’opinione del Rohlfs e del Niebuhr. Muore a Bova nel 1954.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>