Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 80

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


La Scapigliatura

Con "Scapigliatura", termine messo in voga da Cletto Arrighi nel romanzo "La Scapigliatura e il 6 febbraio" del 1861 si designa l'eterogenea categoria degli spostati, dalla quale esce una letteratura di protesta contro la società borghese e i suoi idoli. Rappresentante di tale corrente in Calabria è: Domenico Milelli : Nasce a Catanzaro nel 1841 e muore a Palermo nel 1841. Vive da "scapigliato", alla giornata. Viaggia per tutta l'Italia sia per la sua voglia di conoscere i poeti di cui parla l'Italia, che per la sua condizione di professore antimonarchico. Conosce Igino Ugo Tarchetti a Milano, e dopo la sua morte ne raccoglie le poesie nel volume "Disjecta". Agli "scapigliati" Betteloni e Boito dedica sonetti raccolti nel "Canzoniere" del 1884. A Bologna è con il Carducci, ed è amico di Mario Rapisardi. Con la pubblica lettura delle sue poesie e con conferenze anima la vita culturale di Cosenza e Catanzaro. E' subito chiara, nella sua prima raccolta poetica "In giovinezza" la polemica contro il mondo cinico dei ricchi, e la posizione anticlericale.

"Neviga il verno, nel tugurio muore il poverello;
Finì per fame; briaco il signore
Compera baci e spasima in bordello".

(Preludio, ne "In Giovinezza")



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>