Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 76

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Francesco Antonio Grimaldi
pagina 1 | 2 | 3

Figura di attento studioso e colto indagatore dell'uomo e della natura.

Francesco Antonio Grimaldi - nato a Seminara nel 1741, morì a Napoli nel 1784 - occupò un posto particolare in quella vasta schiera di illuministi che animarono il riformismo napoletano del Settecento. Appartenente a una nobile famiglia di origini genovesi, e fratello di quel Domenico autore del Saggio sull'economia campestre per Calabria Ultra, Francesco Antonio Grimaldi scrisse diverse opere che comprovarono la sua attenzione ai temi di una filosofia sociale e civile. Il suo nome però oltre agli Annali del Regno di Napoli legato soprattutto a queste Riflessione sopra l'ineguaglianza tra gli uomini apparse a Napoli tra il 1799 e il 1780, in cui si venne sviluppando una teoria etico-giuridica della politica e la lezione di G.V.Vico rimodellata in una compiuta "filosofia civile". Un'opera di grande valenza e respiro, attenta a tutte le diverse tensioni della cultura contemporanea, e perciò articolata nelle sue argomentazioni, sviluppo di un percorso che si propone di arginare non solo le idee di Rousseau, ma di costruire una visione solidale di etica, diritto e politica, in cui "la stessa ragione scientifica riesce a dare forti basi secondo una realistica scienza dell'uomo che mantiene fisso ed insuperabile il dato della propria condizione naturale' ".A tal proposito denunziò la profonda arretratezza dei settori economici della sua terra e, sull'esempio del Genovesi e dei riformatori napoletani, propose urgenti riforme nella pratica utilità del lavoro, considerando la natura come la "salvezza" dal male umano e l'agricoltura come la principale fonte di vita della Calabria. Una Calabria, quella della seconda metà del '700, dilaniata nel tessuto sociale, sotto il dominio feudale e con una piccola borghesia rurale che faceva da arbitro dei beni dei braccianti e dei coloni, e che tentava ad ogni costo di impossessarsi delle redini economiche, ancora in mano alla nobiltà. La povertà, i soprusi e gli abusi legati al sistema feudale, il mancato trapasso della proprietà dal baronato alla borghesia, l'inefficienza degli apparati burocratici, la mancanza di progetti riformistici, l'inesistenza di industrie (vi era solo quella della seta, peraltro in perenne crisi), l'inadeguatezza dei mezzi, rudimentali ed antiquati, delle pur coraggiose attività artigianali e le pochissime scuole non lasciavano indifferenti gli intellettuali calabresi, quasi tutti, come i fratelli Grimaldi, formatisi nell'ambiente culturale della capitale del Regno, e che agivano sull'impervio terreno delle riforme, dall'economia alla politica e allo stato sociale. La molteplicità dei problemi e delle negatività persistenti richiedeva l'attenzione di menti eclettiche e l'esperienza di poliedrici uomini di cultura.

Non a caso Francesco Antonio Grimaldi fu insieme uno storico, un filosofo, un giureconsulto, un fine sociologo, un politologo. Le stesse Riflessioni sopra l'ineguaglianza tra gli uomini non sono altro che una sintesi efficace di variegati impulsi, il frutto degli studi più disparati, il risultato finale di accurate ricerche nei vari campi del sapere a riprova della sua profonda erudizione. Non poteva mancare, nella Collana delle Edizioni della Civiltà Calabrese, promossa dalla Regione Calabria, l'imponente opera del Grimaldi, che è una delle più importanti testimonianze della tensione intellettuale con cui i calabresi partecipavano, seppure in ritardo, al dibattito illuminista del Settecento. E non poteva essere più felice la scelta di affidare la presentazione e la cura di quest'attesa riedizione delle Riflessioni a Franco Crispini, ordinario di Storia della Filosofia all'Università della Calabria, nonché Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, a cui va riconosciuto il merito di avere prima rinvenuto e poi attentamente interpretato il pensiero del Grimaldi, ma soprattutto di essere riuscito a coglierne i motivi dell'adesione ai programmi dell'Illuminismo, nella sua "versione" meridionalistica, della cui storiografia, anche con riferimento all'epoca culturale antecedente, Crispini stesso è senz'altro uno dei maggiori esperti.
pagina 1 | 2 | 3



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>