Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 78

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati

Casile Bruno

Casile Bruno nasce a Bova, (RC), nel 1923. Egli deve la sua notorietà alla "scoperta" della sua poesia "contadina" ad opera di Pasolini. E’ Pier Paolo Pasolini a dargli, infatti – in un articolo – l’appellativo di “contadino poeta”. Il Casile è un uomo schivo, tanto da apparire quasi rude. Ma nei versi leggiamo la freschezza dei suoi sentimenti; attraverso le sue parole viviamo le vicende che gli sono più care, come quando alla madre lontana scrive:

"Condoferro se essena
me ta daclia sta artammia
ngonatizo sta podiasu
su zitao ti vlojia.
... Egò echàrro ti iche
addha pramata caglio
arte zzero posso chrizi
i cardiasu, mana".
"Ritorno da te
con le lacrime agli occhi
mi inginocchio ai tuoi piedi
e ti chiedo la benedizione...
Credevo che ci fossero
altre cose migliori,
ora so quanto vale
il tuo cuore, mamma".


O quando ci narra dell’esilio forzato:

O chuma dicommu jatì mu èstile larga?
Jatì ode se essena den isonna zisi?
Esù ti èdike dulia ja chronu ce chronu
se tosse jenìe jatì arte den echi?
"O terra mia perchè mi hai mandato lontano?
Perchè qui da te non potevo vivere?
Tu che hai dato lavoro per anni e anni
a tante generazioni, perchè ora non ne hai?"


E ancora, del misero lavoro nei campi:

"Zzappuni, zzappun
cacò na echi ti s’ogguale...
Stochia den egguala,
posso ti izìa..."
"Zappa, o zappa
maledetto chi ti ha inventata...
La povertà non ho scacciato,
per tutto il tempo che vissuto..."


Vivissima è l’energia vitale trasmessaci dai versi del Casile: vivissima la memoria dei suoi ricordi, dei suoi pensieri e delle sue esperienze. Forte il messaggio, chiaramente percepibile atrraverso le rime , dell’uomo che incita a continuare a lottare sempre, col fine di risollevarsi:

"Atonimèni i zoìmmu,
ma chortàti den ene
an don còsmo ti afìnni."
"Stanca la mia vita, ma non sazia
del mondo che lascia".


Tutti i suoi scritti riflettono l'esaltazione sentimentale di un micro cosmo rurale profondamente amato. Il Casile muore nel 1998.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>