Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 88

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Auteliano Giuseppe

Autelitano Giuseppe nasce a Bova, (RC) nel 1795. Canonico nella Cattedrale di Bova, fu vescovo di Nusco. Qui morì di colera il 29 Aprile del 1854. Dalle carte dell’Archivio Vescovile di Bova, Auteliano recupera la cronaca manoscritta di un bovese del medioevo e, da essa, trae spunto per compilare, con minuziosa precisione, la storia di Bova. In tale sede, vogliamo citare un’interessante parte della sua opera - straordinario esempio di storiografia - in cui l’Autelitano segnala la presenza di numerosi templi pagani nella zona bovese:
"Il terzo tempio dedicato a Nettuno, sorge sedici miglia più verso oriente, che sussiste tuttora, rovinato però, nel territorio del casale di Staiti, allora compreso nel territorio di Bova. Nell’area di quello di Nettuno, modificato in parte dopo la venuta della fede, e convertito poscia in monastero basiliano, si è innalzata una statua a Maria Santissima, alla quale si è dato il titolo di Santa Maria di Tridetti a commemorazione del tridente che la statua di Nettuno aveva in mano in atteggiamento di impero del mare. Questo tempio di ammirevole struttura, si dice eretto dai bovesi, allora abitatori delle marittimi sedi, a distanza di quattro miglia dal lido, in ringraziamento del dio del mare che salvolli dalla sommersione cui soggiacquero parte di quelle fabbriche marittime per la procella che eccessivamente innalzando e spingendo i marosi, inghiottì parecchie di quelle abitazioni, non meno che i due templi di Ercole e di Giove".



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>