Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 87

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


L'Arcadia e i suoi poeti

Da un gruppo di letterati che abitualmente si riunisce nel salotto di Cristina di Svezia nasce, 1690 a Roma, L' Arcadia. Essa è un'accademia letteraria che si propone di reagire all' artificioso e falso gusto barocco, con un restaurato classicismo e un ritorno alla poesia ispirata alla verità dei sentimenti e alla limpidezza di stile. Per meglio evocare il mito della semplicità i soci assumono nomi e simboli pastorali, e la loro sede viene chiamata "Bosco Parrasio". Hanno una proficua produzione di versi, ma raramente viene superata la mediocrità, e spesso, si hanno versi stucchevoli. Tra i letterati fondatori dell'Arcadia troviamo i calabresi: Gian Vincenzo Gravina: nato a Roggiano nel 1664 e morto a Roma nel 1778. E' allievo del cugino Gregorio Caloprese per il latino e greco, e ha Serafino Biscardi come maestro di diritto. Nel 1691 pubblica "Hydra mistica, sive de corrupta morali doctrina" (L'Idra mistica, ossia intorno alla corruzione della dottrina morale), dove troviamo una polemica sulla morale gesuitica, ritenuta dalla Chiesa dannosa forse più dell'eresia. Nel "Discorso sopra l'Endimione di Alessandro Guidi" lancia le sue critiche contro il barocco. Altri suoi scritti : "Opuscola", "De ortu et progressu iuris civilis" (Dell'origine e del progresso del diritto civile), "Originum juris civilis libri tre" (Libri tre delle origini del diritto civile), "Della ragion poetica". Bartolomeo Nappini: nasce nel 1637 in provincia di Catanzaro, e muore a Roma nel 1717. Canonico, il Papa Clemente X gli affida l'Abbazia della Collegiata di S.Maria ai Martiri. Fonda l'Arcadia degli Infecondi insieme ad altri amanti della poesia, e insieme ad essi si tiene lontano dalle scissioni e discordie dell'Arcadia. Trae la sua poetica non dalla scuola, ma dalla sua terra, e nel "Poemio delle Rime pedantesche", il Nappini scrive:

"Son Calabro, non arcade, e me ne vanto:
Quondam chi nasce in Calabria regione
Pria che al Sol gli occhi, apre la bocca al canto.
Se intuono qualche asiatica Canzone,
suon di zampogna non v'accoppio;
tanto non voglio:canto al suon di Colascione".


Da ricordare inoltre i: Saverio Mattei, Giambattista Marchitelli e Gianfranco Manfredi.



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>