Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 32

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura

Personaggi Calabresi - Letterati


Antonio Serra
pagina 1 | 2 | 3 | 4

Questa è una cosa di grande importanza se pensiamo che tutto il pensiero meridionalista fino alla fine dell'800 e fino alla fine dell'arrivo di Francesco Saverio Nitti identificava la soluzione del problema meridionale ancora nella soluzione di un certo tipo di rapporto sociale e dei rapporti produttivi in agricoltura, comunque nell'ambito del campo agricolo, qui abbiamo uno studioso che nell'600 richiama l'attenzione sui cosiddetti "artefix", sulle opere delle attività manifatturiere che hanno la possibilità di dare profitti maggiori e danno una sicurezza maggiore rispetto ai prodotti agricoli. Quando si ricercano le cause della povertà del mezzogiorno e si individuano nelle rimesse di profitti finanziari e industriali, si tocca un punto di straordinaria attualità, perché quando studiamo la storia del mezzogiorno nell'età moderna corriamo il rischio di applicare alle problematiche del cinque e del seicento i sistemi di valutazione del ottocento e novecento. Rischiamo di applicare nella società preindustriale criteri della società postindustriale. L'economia del mezzogiorno, pur essendo prevalentemente agricola, dava luogo a dislivelli di ricchezza più bassi di quelli di oggi. Il problema era che gran parte della ricchezza agricola era nelle mani di operatori stranieri che portavano fuori i profitti. Il grosso degli imprenditori era straniero. Se questi capitalisti avessero mantenuto la ricchezza agricola prodotta dal mezzogiorno nel mezzogiorno i dislivelli di ricchezza con il nord non sarebbero stati così forti, perché la qualità dei prodotti industriali manifatturieri nell'epoca preindustriale era una qualità che conteneva una quota di valore aggiunto molto inferiore a quella dei prodotti sofisticati di oggi

Da considerare l'altro elemento, quello della deindustrializzazione che stava verificandosi nel Nord in quel periodo. Punto fondamentale, cioè le guerre della Spagna, nel libro di Serra non ci sono, o ci sono in maniera implicita .Serra dice: "la stabilità politica è la causa efficiente e agente superiore di tutti gli altri accidenti". Serra attribuisce alla politica la causa maggiore nella determinazione della ricchezza o povertà di un paese, questo dimostra ancora la lungimiranza del suo pensiero. Ma perché non lo dice espressamente? Un pò perché sta in carcere e avrebbe dovuto dire che la Spagna non faceva guerra; siamo nell'età della dissimulazione, come viene definita dal Villari e Biondo, gli intellettuali dell'epoca dovevano anche dissimulare, altrimenti la permanenza in carcere poteva trasformarsi in qualcosa di peggio.

Questo non è soltanto un trattato di economia, è di più, è anche un opera scritta in un epoca in cui non c'era libertà di scrivere e sostenere delle idee costava caro, molto più caro che in regimi come il nostro.
Per maggiori informazioni su Antonio Serra visita il sito: www.webalice.it/leogra
segnalato da Leonardo Granata
pagina 1 | 2 | 3 | 4



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>