Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 257

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura


Patrimonio d'arte della Calabria
Giuseppe Pascaletti, profilo d'un pittore calabrese del '700
Pagina 4 di 5
 
1 | 2 | 3 | 4 | 5
probabilmente la ripresa d’altro dipinto o disegno; attesa la giovane età mostrata dal soggetto, pertinente all’incirca la fine del ‘600; quando il Pascaletti non era ancora nato. Suo nipote Marcantonio Colonna (Napoli 1724-96) - posto che il dipinto lo si faccia risalire al 1742 - dovrebbe invece avere nel dipinto l’età di 18 anni. E, sotto quell’aria mite, il giovane Principe nascondeva l’autorevolezza del futuro Vicerè del Regno di Sicilia: quale infatti divenne nel 1775.
Sono questi alcuni dei tanti dipinti, forse, in cui gli amici eletti dell’aristocrazia romana amavano farsi ritrarre da quel pittore che univa qualità indiscusse d’arte con un carattere amabile di perfetto gentiluomo.
E quando, nel 1744, il maestro calabrese lasciò Roma; il suo protettore e mecenate, cardinale Ruffo, per premiare i suoi meriti d’artista e le sue doti d’uomo – messi entrambi al servizio della Santa Sede - lo insignì dell’Ordine dello Speron d’Oro; nominandolo Cavaliere della Milizia della Santa Sede e del Sacro Collegio.
Così, preceduto dalla fama che s’era acquistata in Roma, Giuseppe Pascaletti fece ritorno in patria: a Fiumefreddo, tra la sua gente.
Il pittore aveva già raggiunto un’età matura; ed era ancora scapolo. Si decise, quindi, a prender moglie; e, nel 1747, sposò la baronessa Teresa De Ponzio; che finirà col dargli 4 figli.
Il periodo calabrese della pittura del Pascaletti è ovviamente quello più documentato della sua intera produzione. Dal 1748 in poi – quasi ad annum – il suo catalogo vede, infatti, dipinti di soggetto
Immacolata
Trionfo della SS. Trinità
Immacolata, Trionfo della SS. Trinità
religioso; che il maestro esegue ormai soltanto pro sua devotione; per destinarle a chiese che rientrano, per lo più, nell’ambito d’influenza del feudo dei marchesi Della Valle. Di tutte le sue opere finora conosciute – intorno a 25 – ne scegliamo alcune che ne qualificano il carattere.
Al 1748 risale, ad esempio, la bella Immacolata che si trova nella chiesa omonima di Fuscaldo. Una tela dal fresco cromatismo; il cui impianto iconografico doveva di certo trovare soddisfatto il gusto del maestro. Tanto che, nel 1754, ne propose una copia che si trova oggi presso l’Arcivescovado di Cosenza.
E sempre al 1748 rimonta un’altra tela notevole del Pascaletti; collocata un tempo nella chiesa del Ritiro di Rende; ed oggi nel suo Museo Civico.
Si tratta del Trionfo della SS. Trinità; in cui il pittore – come ha notato Maria Pia Di Dario Guida – riprese un analogo motivo che Sebastiano Conca svolse per la chiesa di S. Ignazio all’Olivella a Palermo. Ed il cui impianto si rinviene, ancora, pur con qualche variante, in un’altra tela del Conca, del 1742, per la chiesa di S. Paolo dei Barnabiti a Macerata. Come mostra il bozzetto della Raccolta Caiati-Salamon; qui riprodotto.
Trionfo della SS. Trinità
Trionfo della SS. Trinità
Immacolata
Immacolata
 
Pagina 4 di 5
 
1 | 2 | 3 | 4 | 5

Articolo a cura di Carlo Andreoli



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
Patrimonio d'arte
della Calabria


Un musicista del '700 napoletano: Giuseppe Avossa da Paola
Carlo Andreoli


Castelli del Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Nuove tendenze d’arte contemporanea: Alejandra Daniella Santoro
Carlo Andreoli


Giovanni De Giacomo ed il folklore di Calabria
Carlo Andreoli


Centro Storico di Belvedere Marittimo
Carlo Andreoli


Profilo d’Edoardo Galli: archeologo calabrese
Carlo Andreoli


Il complesso medievale di S. Michele a S. Maria del Cedro
Carlo Andreoli


Giovan Bernardo Azzolino in Calabria
Carlo Andreoli


La bottega d’arte d’Eduardo Barone a Fagnano Castello
Carlo Andreoli


La Chiesa dei Cappuccini di Paola
Angelo Orsino


Il Catalogo Calabrese di Dirck Hendricksz
Carlo Andreoli


Una Chiesa Gesuita di Calabria Citra: Il Rosario di Paola
Carlo Andreoli


La chiesa di Montevergine a Paola
Carlo Andreoli


Codex Purpureus Rossanensis

La Chiesa di S. Nicola in Cosenza
Carlo Andreoli


Francesco Basile nella Chiesa Matrice di Cetraro
Carlo Andreoli


Il polittico di Cetraro di Giovan Bernardo Azzolino
Carlo Andreoli


Scultori calabresi del 600 Fra Diego Da Careri
Carlo Andreoli


Ritratti d'arte di personaggi calabresi
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria II
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria I
Carlo Andreoli


Il monumento sepolcrale d' Ademaro Romano a Scalea
Carlo Andreoli


Siti Archeologici romani nel tirreno cosentino
Carlo Andreoli


La "Visitazione della Vergine ad Aieta", Belvedere e Fuscaldo
Carlo Andreoli


Genesio Galtieri sul Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Il Museo Comunale di Praia a Mare
Carlo Andreoli


Tre vicende d’arte e di cultura: tra mistero ed esoterismo
Carlo Andreoli


Significato proprio d’un dipinto nel Duomo di Cosenza
Carlo Andreoli


Tutti gli articoli
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>