Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 77

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura


Patrimonio d'arte della Calabria
Giovan Bernardo Azzolino in Calabria
Pagina 1 di 5
 
1 | 2 | 3 | 4 | 5
Nato a Cefalù nel 1572, Giovan Bernardo Azzolino (noto anche come Bernardino il Siciliano) all’età di 22 anni, insieme con l’amico pittore Luigi Rodriguez, si trasferisce a Napoli: capitale artistica del meridione d’Italia.
Lì, poco dopo, sposa la nobile palermitana Antonia d’India ed entra in rapporto d’amicizia con Fabrizio Santafede, rinomato maestro, che gli procura le prime importanti commissioni d’opera.
Da allora egli inizia una fortunata carriera che, oltre a consentirgli di dipingere per alcune grandi chiese di Napoli (Gesù Nuovo, Pio Monte della Misericordia, S. Maria della Sanità, Girolomini, S. Pietro Martire), gli procura anche una certa agiatezza economica e rango sociale.
Nella Napoli dei suoi tempi, governata dal Vicereame Spagnolo, s’agitavano diverse tendenze; v’era una folta schiera d’esponenti del manierismo locale (Francesco Curia, Giovanni Angelo d’Amato, Fabrizio Santafede, Ippolito Borghese, Girolamo Imparato), maestri della scuola toscana (Giovanni Balducci), stranieri di scuola veneta (Belisario Corenzio) o di scuola romana (Teodoro d’Errico). Fino al sopraggiungere, nel 1606, di Michelangelo Merisi da Caravaggio; che trascinò nel suo vortice d’arte molti pittori di vaglia: fra cui Battistello Caracciolo e Jusepe de Ribera, il quale sposò una figlia dell’Azzolino.
In tutto questo fermento di voghe correnti, Giovan Bernardo Azzolino ebbe il carattere di mantenersi sempre fedele ad un suo ideale di pittura: d’impianto classico, accurato nelle forme, con qualche ricercata eleganza di stile, sempre ispirato a un esibito pietismo: quel che si dice, in somma, una maniera di pittura riformata. Un genere oramai desueto, sorpassato dalle nuove tendenze ma pur sempre grato al gusto di committenti e intenditori: tanto che, nel 1609, il celebre poeta e scrittore Giovan Battista Basile gli dedicò una sua Oda in lode.
L’Azzolino, che morì a Napoli nel 1645, lasciò suoi dipinti, oltre che a Napoli e in Campania, in altre parti d’Italia: a Genova, dov’era stimato dai Doria, in Sardegna, in Puglia, in Lucania ed in Calabria.
Il catalogo calabrese dell’Azzolino comprende – finora almeno – cinque opere; dislocate in cinque città diverse della Calabria. Di cui daremo, in sintesi, un ragguaglio; procedendo dal nord al sud della regione.
 
A Scalea (Cosenza), nella chiesa di S. Nicola in Plateis, si trova, alle spalle dell’altare maggiore, una tela della Madonna del Carmine col Bambino ed i SS. Nicola di Bari e Carlo Borromeo.
Scalea – Madonna del Carmine e SS. Nicola e Carlo
Scalea – Madonna del Carmine e SS. Nicola e Carlo
Scalea – Madonna del Carmine e SS. Nicola e Carlo
Scalea – Madonna del Carmine e SS. Nicola e Carlo
 
La Vergine è incoronata da due angeli, che reggono ognuno lo scapolare. Mentre S. Nicola, ritto a sinistra con piviale e pastorale, stringe un ciuffo di capelli ad un popolaresco fanciullo coppiere; e S. Carlo, di fronte a lui, pone la mano, in atteggiamento devoto, sulla mozzetta rossa. Nel registro inferiore della tela, inginocchiati e affrontati, sono due ragazzi con gorgiera e corazza: eredi della casata Spinelli, titolare del feudo. La presenza di S. Carlo Borromeo, canonizzato nel novembre del 1610, pone un termine post quem per la datazione dell’opera.
Pagina 1 di 5
 
1 | 2 | 3 | 4 | 5

Articolo a cura di Carlo Andreoli



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
Patrimonio d'arte
della Calabria


Un musicista del '700 napoletano: Giuseppe Avossa da Paola
Carlo Andreoli


Castelli del Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Nuove tendenze d’arte contemporanea: Alejandra Daniella Santoro
Carlo Andreoli


Giovanni De Giacomo ed il folklore di Calabria
Carlo Andreoli


Centro Storico di Belvedere Marittimo
Carlo Andreoli


Profilo d’Edoardo Galli: archeologo calabrese
Carlo Andreoli


Il complesso medievale di S. Michele a S. Maria del Cedro
Carlo Andreoli


Giovan Bernardo Azzolino in Calabria
Carlo Andreoli


La bottega d’arte d’Eduardo Barone a Fagnano Castello
Carlo Andreoli


La Chiesa dei Cappuccini di Paola
Angelo Orsino


Il Catalogo Calabrese di Dirck Hendricksz
Carlo Andreoli


Una Chiesa Gesuita di Calabria Citra: Il Rosario di Paola
Carlo Andreoli


La chiesa di Montevergine a Paola
Carlo Andreoli


Codex Purpureus Rossanensis

La Chiesa di S. Nicola in Cosenza
Carlo Andreoli


Francesco Basile nella Chiesa Matrice di Cetraro
Carlo Andreoli


Il polittico di Cetraro di Giovan Bernardo Azzolino
Carlo Andreoli


Scultori calabresi del 600 Fra Diego Da Careri
Carlo Andreoli


Ritratti d'arte di personaggi calabresi
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria II
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria I
Carlo Andreoli


Il monumento sepolcrale d' Ademaro Romano a Scalea
Carlo Andreoli


Siti Archeologici romani nel tirreno cosentino
Carlo Andreoli


La "Visitazione della Vergine ad Aieta", Belvedere e Fuscaldo
Carlo Andreoli


Genesio Galtieri sul Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Il Museo Comunale di Praia a Mare
Carlo Andreoli


Tre vicende d’arte e di cultura: tra mistero ed esoterismo
Carlo Andreoli


Significato proprio d’un dipinto nel Duomo di Cosenza
Carlo Andreoli


Tutti gli articoli
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>