Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
La Calabria|Arte e Cultura|Tradizione e Folclore|Università|Scuola|
 Utenti online: 45

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in COL | Arte e Cultura


Patrimonio d'arte della Calabria
Significato proprio d’un dipinto nel Duomo di Cosenza
Duomo di Cosenza Dipinto duomo di Cosenza

C’è un dipinto nel Duomo di Cosenza, e propriamente sul soffitto della Cappella dell’Arciconfraternita d’Orazione e Morte, che viene sbrigativamente enunciato dalle guide come pertinente al tema dei Fratelli Maccabei, di cui si narra nel Secondo libro dei Maccabei (VII,1-42) dell’Antico Testamento.
Ma basta già osservare, in maniera accorta, il dipinto per capire che si tratta d’altro: d’un soggetto, ovverosia, affatto conciliante con la funzione peculiare che assolveva la cappella, destinata al culto ed al suffragio delle anime dei morti.
Il tema dei Fratelli Maccabei si risolve, infatti, nell’esaltazione del martirio di sette fratelli; che, assieme alla loro madre, furono trucidati da Antioco IV Epifane, circa l’anno 168 a.C., “per aver osservato con invitta fede la legge del Signore”, come recita il Martirologio Romano. E la loro passione di martiri giudei fu interpretata dai Cristiani come precorritrice di quella prestata in seguito dai martiri del Cristo.
Il relativo schema iconografico, piuttosto raro in verità, trova un esempio illustre tanto da farne un corpus, nel Martirio dei Maccabei della chiesa di Santa Felicita a Firenze; sviluppato in epoche diverse da Neri di Bicci ed Antonio Ciseri, in cui balzano di fatto alla nostra osservazione dei corpi straziati dal martirio.
Nel dipinto cosentino, viceversa, spicca un cavaliere col suo seguito, che incede maestoso entro un campo di battaglia; mentre una scritta, sovrimpressa su un pilastro, recita in latino: “Sancta et salubris est cogitatio pro defunctis exorare ut a peccatis solvantur” (Santo e salutare è il pensiero di pregare pei defunti, perché essi siano sciolti dai peccati).
E si tratta, a ben vedere, di Giuda Maccabeo; ritratto, qui, nell’episodio di cui si fa menzione nel Secondo libro dei Maccabei (XII,38-45), il cui paragrafo ha per titolo “Il sacrificio per i morti”.
Nella spianata della città di Odollam, Giuda Maccabeo, alfiere della rivolta ebraica contro l’oppressione del re pagano Antioco IV Epifane, giunge vittorioso coi suoi uomini, per dare degna sepoltura ai soldati nemici caduti in battaglia. Nell’eseguire le pietose esequie, egli s’avvede come ognuno di loro celi sotto il manto un idolo pagano: avverso certo alla credenza della religione ebraica, ma pur sempre indizio d’un sentimento di pietà che quei soldati nutrivano e per il quale affrontarono la morte.
Giuda scorge in questo evento un segno certo della volontà di Dio: “giusto giudice” che commuta in punizione ogni oltraggio alla propria maestà. Ma agendo “in modo molto buono e nobile, suggerito dal pensiero della risurrezione”, Giuda compie un gesto per molti versi sorprendente: chiede, cioè, al suo popolo di pregare per quei pagani, per impetrare la redenzione del loro stato di peccato.
E, nel fare ciò, come avverte l’esegesi del pensiero ebraico, egli innova una pratica del culto dei defunti, fondata sul concetto della loro remissione dei peccati per opera esclusiva e salutifera della pia orazione. Pratica che viene poi acquisita nel Cristianesimo, per fondare in prospettiva la dottrina stessa del Purgatorio come grado intermedio d’attesa penitente della grazia divina.
Un significato alto ed esemplare, dunque, quello espresso nel dipinto della volta della Cappella d’Orazione e Morte del Duomo di Cosenza. Che ci sembra giusto restituire al suo depositario: quel Giuda Maccabeo, che ha preteso di pregare, indistintamente, per qualunque peccatore: perché la prossima risurrezione sia appannaggio di tutti.


Articolo a cura di Carlo Andreoli



Storia delle Province
Personaggi
Teatro
Musei
Musica Popolare
Musica
Cinema
Pittura
Poesie Calabresi
Fotografia
Letteratura
Tra Miti e Leggende
Patrimonio d'arte della Calabria

News
Calabria

 
Patrimonio d'arte
della Calabria


Un musicista del '700 napoletano: Giuseppe Avossa da Paola
Carlo Andreoli


Castelli del Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Nuove tendenze d’arte contemporanea: Alejandra Daniella Santoro
Carlo Andreoli


Giovanni De Giacomo ed il folklore di Calabria
Carlo Andreoli


Centro Storico di Belvedere Marittimo
Carlo Andreoli


Profilo d’Edoardo Galli: archeologo calabrese
Carlo Andreoli


Il complesso medievale di S. Michele a S. Maria del Cedro
Carlo Andreoli


Giovan Bernardo Azzolino in Calabria
Carlo Andreoli


La bottega d’arte d’Eduardo Barone a Fagnano Castello
Carlo Andreoli


La Chiesa dei Cappuccini di Paola
Angelo Orsino


Il Catalogo Calabrese di Dirck Hendricksz
Carlo Andreoli


Una Chiesa Gesuita di Calabria Citra: Il Rosario di Paola
Carlo Andreoli


La chiesa di Montevergine a Paola
Carlo Andreoli


Codex Purpureus Rossanensis

La Chiesa di S. Nicola in Cosenza
Carlo Andreoli


Francesco Basile nella Chiesa Matrice di Cetraro
Carlo Andreoli


Il polittico di Cetraro di Giovan Bernardo Azzolino
Carlo Andreoli


Scultori calabresi del 600 Fra Diego Da Careri
Carlo Andreoli


Ritratti d'arte di personaggi calabresi
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria II
Carlo Andreoli


Antonello da Messina e la sua cerchia in Calabria I
Carlo Andreoli


Il monumento sepolcrale d' Ademaro Romano a Scalea
Carlo Andreoli


Siti Archeologici romani nel tirreno cosentino
Carlo Andreoli


La "Visitazione della Vergine ad Aieta", Belvedere e Fuscaldo
Carlo Andreoli


Genesio Galtieri sul Tirreno Cosentino
Carlo Andreoli


Il Museo Comunale di Praia a Mare
Carlo Andreoli


Tre vicende d’arte e di cultura: tra mistero ed esoterismo
Carlo Andreoli


Significato proprio d’un dipinto nel Duomo di Cosenza
Carlo Andreoli


Tutti gli articoli
© 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




?>